Scritto: Mercoledì, 14 Ottobre 2015 05:07 Ultima modifica: Venerdì, 12 Agosto 2016 18:27

Curiosity: un #selfie dopo il foro su Big Sky


Per Curiosity è ormai consuetudine scattarsi un selfie dopo aver praticato un foro sulla superficie di Marte.
Questa volta il mosaico è un ricordo dell'ottavo utilizzo del trapano sulla roccia chiamata Big Sky.

Rate this item
(0 votes)
Curiosity: un #selfie dopo il foro su Big Sky Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Il bello di questi autoritratti è che oltre alla versione ufficiale, in apertura, ne esistono molte altre in rete elaborate dagli appassionati di image processing, noi compresi, ognuna diversa dall'altra. C'è chi sceglie una proiezione rettangolare, chi circolare, chi bilancia il bianco e chi decide di lasciare le immagini in "natural color". Qualsiasi sia il risultato, tutti hanno richiesto tempo e molta pazienza: ogni selfie è composto da decine di frame che devono essere cuciti insieme, con notevoli differenze di illuminazione e colore che rendono più laboriosa la fusione.

Le immagini dell'ultimo sono state scattate dal MAHLI, la fotocamera posta sul braccio robotico di Curiosity, durante il sol 1126 (7 ottobre 2015).

Di seguito, le nostre due versioni (scaricabili in full size dalla nostra gallery).

Nuovo #selfie da Curiosity - sol 1126

Nuovo #selfie da Curiosity - sol 1126
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Nuovo #selfie da Curiosity (full edition) - sol 1126

Nuovo #selfie da Curiosity (full edition) - sol 1126
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Qui sotto, altre due belle composizioni elaborate da due grandi appassionati di immagini spaziali, Paul Hammond e Thomas Appéré.

Sol 1126 Advance build of the Rover Selfie

Sol 1126 Advance build of the Rover Selfie
Credit: NASA/JPL-Caltech/Paul Hammond

Curiosity at Big Sky - sol 1126

Curiosity at Big Sky - sol 1126
Credit: NASA/JPL-Caltech/Thomas Appéré

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2643 volta/e Ultima modifica Venerdì, 12 Agosto 2016 18:27
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista