Print this page
Scritto: Martedì, 28 Agosto 2012 06:22 Ultima modifica: Lunedì, 30 Dicembre 2013 09:55

La prima voce umana che raggiunge un altro mondo, ricevuta e ritrasmessa a Terra da Curiosity


Con Curiosity per la prima volta, una voce umana, quella dell'amministratore della NASA Charles Bolden, raggiunge un mondo alieno e viene ritrasmessa a Terra.

Bolden prende atto delle enormi difficoltà nell'atterraggio e si congratula con il team e tutti coloro i quali hanno partecipato al programma, sottolineando come Curiosity spinga gli esseri umani ad esplorare.

Le parole pronunciate da Charles Bolden sono state tramesse via radio al rover il quale le ha inviate nuovamente a Terra attraverso il Deep Space Network (DSN).

Rate this item
(0 votes)

Credit: NASA - fonte: First Recorded Voice from Mars

Con Curiosity per la prima volta, una voce umana, quella dell'amministratore della NASA Charles Bolden, raggiunge un mondo alieno e viene ritrasmessa a Terra.

Bolden prende atto delle enormi difficoltà nell'atterraggio e si congratula con il team e tutti coloro i quali hanno partecipato al programma, sottolineando come Curiosity spinga gli esseri umani ad esplorare.

Le parole pronunciate da Charles Bolden sono state tramesse via radio al rover il quale le ha inviate nuovamente a Terra attraverso il Deep Space Network (DSN).

"Speriamo di ricavare molto dalle osservazioni e dalle analisi del cratere Gale, ci dirà circa la possibilità di vita su Marte, nonchè sul passato e il futuro del nostro pianeta. Curiosity porterà vantaggi sulla Terra ispirando nuove generazioni di scienziati ed esploratori, preparando la strada per una futura missione umana."

Il messaggio vocale è stato rilasciato ieri insieme alle ultime immagini del rover.

"Con questa voce, è stato fatto un altro piccolo passo per estendere la presenza umana oltre la Terra", ha detto Dave Lavery del programma Curiosity.

Ieri mattina il rover ha eseguito una breve guida ed ora è posizionato proprio in corrispondenza delle aree in cui i propulsori dello Sky Crane hanno spolverato il terreno superficiale. Il team approfitterà di questa situazione per indagare più a fondo sulla composizione del suolo. La meta saranno poi le gole del monte Sharp, dove si notano aree di colore e materiale diverso estremamente interessanti da un punto di vista geologico.

Letto: 2313 volta/e Ultima modifica Lunedì, 30 Dicembre 2013 09:55

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.