Scritto: Venerdì, 16 Settembre 2022 12:37 Ultima modifica: Venerdì, 16 Settembre 2022 13:26

Marte: sono 12 i campioni raccolti finora da Perseverance


Quattro sono stati raccolti dall'antico delta del fiume nel cratere Jezero, uno dei luoghi che gli scienziati ritengono più promettenti per la ricerca di tracce di vita antica.

Rate this item
(2 votes)
Marte: sono 12 i campioni raccolti finora da Perseverance
Crediti: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS

Il rover della NASA è alla sua seconda campagna scientifica: in tutto ha raccolto 12 campioni da quando è iniziata la missione il 18 febbraio 2021, di cui ben 4 negli ultimi due mesi.
"Abbiamo scelto il cratere Jezero per Perseverance perché pensavamo che avesse le migliori possibilità di fornire campioni scientificamente eccellenti e ora sappiamo di aver inviato il rover nel posto giusto", ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della NASA per la scienza a Washington. "Queste prime due campagne scientifiche hanno prodotto un'incredibile varietà di campioni da riportare sulla Terra mediante la campagna Mars Sample Return".

Largo 45 chilometri, il cratere Jezero ospita un delta, un'antica caratteristica a forma di ventaglio che si è formata circa 3,5 miliardi di anni fa alla convergenza di un fiume marziano e di un lago. Perseverance sta attualmente studiando le rocce sedimentarie del delta, formate quando particelle di varie dimensioni si sono depositate sul fondale, un tempo acquoso. Durante la sua prima campagna scientifica, il rover ha esplorato il basamento del cratere, trovando rocce ignee, che si formano in profondità nel sottosuolo dal magma o durante l'attività vulcanica in superficie.
"Il delta, con le sue diverse rocce sedimentarie, contrasta magnificamente con le rocce ignee, formate dalla cristallizzazione del magma, scoperte sul fondo del cratere", ha affermato lo scienziato della missione Ken Farley del Caltech a Pasadena, in California. “Questa giustapposizione ci fornisce una ricca comprensione della storia geologica dopo la formazione del cratere e una serie di campioni diversi. Ad esempio, abbiamo trovato un'arenaria che trasporta grani e frammenti di roccia creati lontano dal cratere Jezero e un'argilla che include composti organici intriganti".

 

Molecole organiche

Il 20 luglio scorso, il rover ha abraso una roccia, larga circa 1 metro, chiamata "Wildcat Ridge", che probabilmente si è formata miliardi di anni fa quando fango e sabbia fine si sono depositati in un lago di acqua salata in evaporazione. Le successive analisi con SHERLOC (Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics & Chemicals) hanno rilevato una classe di molecole organiche che sono spazialmente correlate con quelle dei minerali solfati. Questi minerali, trovati negli strati di roccia sedimentaria, possono fornire informazioni significative sugli ambienti acquosi in cui si sono formati ma non rappresentano.

Le molecole organiche possono formarsi anche con processi abiotici ma, alcuni di questi composti sono i mattoni chimici della vita. Sono costituite da un'ampia varietà di composti costituiti principalmente da carbonio e di solito includono atomi di idrogeno e ossigeno. E possono contenere anche altri elementi, come azoto, fosforo e zolfo. La presenza di queste molecole specifiche è considerata una potenziale biofirma, una sostanza o struttura che potrebbe essere la prova della vita passata.

Nel 2013, il rover Curiosity  ha trovato prove di materia organica in campioni di roccia polverizzata e Perseverance ha già rilevato sostanze organiche nel cratere Jezero. Ma a differenza della scoperta precedente, quest'ultima è stata effettuata in un'area in cui, in un lontano passato, sedimenti e sali si erano depositati in un lago in condizioni in cui la vita avrebbe potuto esistere. Nella sua analisi di Wildcat Ridge, lo strumento SHERLOC ha registrato un'abbondanza di molecole organiche che è la concentrazione maggiore scoperta nel corso di questa missione.
"In un lontano passato, la sabbia, il fango e i sali che ora compongono il campione di Wildcat Ridge sono stati depositati in condizioni in cui la vita avrebbe potuto potenzialmente prosperare", ha affermato Farley. “Il fatto che la materia organica sia stata trovata in una tale roccia sedimentaria, nota per la conservazione di fossili di vita antica qui sulla Terra, è importante. Tuttavia, per quanto capaci siano i nostri strumenti a bordo di Perseverance, ulteriori conclusioni su ciò che è contenuto nel campione di Wildcat Ridge dovranno aspettare fino al suo ritorno sulla Terra per uno studio approfondito nell'ambito della campagna Mars Sample Return dell'Agenzia".

Il team sta pensando di lasciare i campioni raccolti finora proprio alla base del delta, per la futura missione, prima di riprendere l'esplorazione.
"Ho studiato l'abitabilità e la geologia di Marte per gran parte della mia carriera e conosco in prima persona l'incredibile valore scientifico di restituire sulla Terra un insieme accuratamente raccolto di rocce di Marte", ha affermato Laurie Leshin, direttrice del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “Il fatto che siamo a poche settimane dalla distribuzione degli affascinanti campioni di Perseverance e a pochi anni dal portarli sulla Terra in modo che gli scienziati possano studiarli nei minimi dettagli, è davvero fenomenale. Impareremo tanto”.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 520 volta/e Ultima modifica Venerdì, 16 Settembre 2022 13:26

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 16 novembre. Statistiche s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB