Scritto: Venerdì, 18 Febbraio 2022 05:11 Ultima modifica: Venerdì, 18 Febbraio 2022 06:20

Alla ricerca del Roubion terrestre


Utilizzando rocce terrestri accuratamente selezionate, gli ingegneri sulla Terra stanno cercando di capire come si comportano le rocce particolarmente fragili incontrate dal rover Perseverance su Marte, nel cratere Jezero.

Rate this item
(3 votes)
Alla ricerca del Roubion terrestre
Crediti: NASA/JPL-Caltech

Quando il rover tentò di raccogliere il suo primo campione nell'agosto 2021, ci fu una certa delusione perché la provetta rimase vuota. Tuttavia, poco dopo Perseverance prelevò con successo un secondo campione, quindi il team concluse che probabilmente la prima roccia era talmente tanto fragile che il trapano l'aveva polverizzata. Ma come era potuto accadere? Gli ingeneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA volevano vederci chiaro e capire perché quel primo campione, soprannominato "Roubion", si è trasformato in polvere.

Prima del lancio, la squadra aveva già condotto dozzine di test su diversi tipi di roccia e non aveva mai riscontrato un comportamento simile.

Roubion sulla Terra

Il team è convinto che, tra le rocce incontrate dal rover, "Roubion contiene il maggior numero di  prove di interazione con l'acqua", ha affermato Ken Farley del Caltech, scienziato del progetto di Perseverance. "Ecco perché è andato in pezzi".

Le rocce alterate dall'acqua possono disgregarsi più facilmente ma sono anche molto preziose per gli scienziati. L'acqua è una delle chiavi della vita, almeno sulla Terra, ed è il motivo per cui Perseverance sta esplorando il cratere Jezero che miliardi di anni fa ospitava un lago alimentato da un fiume. Il rover sta raccogliendo campioni che le future missioni potrebbero riportare sulla Terra per studi approfonditi nei laboratori terrestri.

Quindi, alcuni membri della squadra si sono recati nella Santa Margarita Ecological Reserve, situata vicino al JPL, alla ricerca di rocce abbastanza resistenti alle intemperie, come Roubion, e non così fragili da cadere a pezzi al minimo tocco.
Il gruppo ha quindi fatto ritorno nei laboratori, precisamente alla sezione  del JPL, con una dozzina di campioni selezionati.  Qui, il team si è diviso in due gruppi: uno ha lavorato con un trapano da costruzione (non da carotaggio) insieme ad altri strumenti, mentre un altro ha utilizzato un trapano simile a quello in dotazione a Perseverance.

Massi messi alla prova

Scienziati e ingegneri hanno eseguito un gran numero di prove sui campioni terrestri, ad esempio variando la velocità di percussione del trapano e la pressione esercitata sulla punta. Hanno anche provato a perforare la roccia orizzontalmente anziché verticalmente, nel caso in cui l'accumulo di detriti fosse un fattore determinante. I risultati hanno mostrato che le rocce più resistenti hanno interagito meno con l'acqua.

Finora Perseverance ha catturato sei campioni da rocce altamente alterate e alterate dall'acqua e il team è pronto ad affrontare la prossima roccia simile a Roubion.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 181 volta/e Ultima modifica Venerdì, 18 Febbraio 2022 06:20

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 giugno. ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 giugno. Statistiche sul...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora