Scritto: Venerdì, 09 Aprile 2021 18:02 Ultima modifica: Sabato, 10 Aprile 2021 11:16

Ingenuity scalda i motori...


 In vista del volo inaugurale di domenica notte, fervono i test e le pale dei rotori si stanno già muovendo.

Rate this item
(2 votes)
A sinistra, immagine ripresa il Sol 45 con la "Right Mastcam-Z Camera", a destra il "selfie" che rtrae entrambi i veicoli nel giorno dopo con la fotocamera Watson sul braccio robotico A sinistra, immagine ripresa il Sol 45 con la "Right Mastcam-Z Camera", a destra il "selfie" che rtrae entrambi i veicoli nel giorno dopo con la fotocamera Watson sul braccio robotico Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing/debayer by Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

  È appena andata in onda la nuova conferenza stampa della NASA sulle fasi finali dei preparativi al primo volo di Ingenuity. Si è confermato che Ingenuity ha affrontato con successo la prima notte marziana a -90°C e sta caricando in modo efficiente le batterie, abbastanza per poter affrontare il volo. Da quando il drone è stato sganciato sul terreno, esso è rimasto in comunicazione radio con il rover ogni giorno, dimostrando che la connessione tra i due funziona perfettamente. Si è verificato che il comportamento energetico e termico è quello previsto, il computer e gli strumenti sono stati attivati e funzionano perfettamente. I rotori sono stati sbloccati e il loro funzionamento è stato testato, per ora con una ridotta velocità di rotazione (50 rpm, meno di un giro al secondo). L'ultimo test da effettuare, quello più critico, riguarda la rotazione a pieno regime (circa 2500 rpm) e si prevede di effettuarla nelle prossime ore.

Mars Perseverance ZL0 0047 0671113948 053EBY N0031416ZCAM05011 1100LUJ

Il movimento dei rotori prima e dopo il momento in cui sono stati sbloccati; da una analisi accurata delle due immagini, si nota anche un lieve movimento dei grani di polvere depositati sul pannello solare - Crediti: NASA/JPL-Caltech/ASU - Processing: Marco Di Lorenzo

 Ieri il test di rotazione a 50 rpm è andato alla perfezione, peraltro l'angolo di attacco delle lame dei rotori è stato modificato con successo.

heli movement far

La sequenza è stata ripresa con le Navigation Camera di Perseverance.
Crediti: NASA/JPL-Caltech/ASU.

 Adesso (Sol 48) il rover si è ulteriormente allontanato ed è esattamente 45 metri ad est di Ingenuity, nella posizione ideale per osservarne le evoluzioni.Il volo si dovrebbe svolgere domenica alle 12:30, ora locale di Jezero; in Italia saranno circa le 4 di notte, ma i dati trasmessi da Perseverance usando uno dei veicoli in orbita intorno a Marte come ripetitori, giungeranno a Terra solo 3 ore dopo. La scelta del tempo deriva da un compromesso tra la previsione sulle condizioni favorevoli di pressione e vento e quelle sul vantaggioso stato di insolazione e di carica delle batterie. Per stabilirlo, il team di Ingenuity si è consultato con quello di MEDA (la suite di strumenti meteo su Perseverance); questi ultimi hanno messo in guardia sulla possibile presenza di venti più veloci del previsto ma, in base alle simulazioni, il rover dovrebbe essere in grado di affrontarli senza problemi.

Ingenuity Perseverance Anaglifo

 Anaglifo basato sulle immagini riprese il Sol 45 con le due "Mastcam-Z Camera" - Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing by Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

 La fase di volo sarà impegnativa dato che, nei 40 secondi circa in cui i rotori agiranno, è previsto un notevole assorbimento di potenza, oltre 350 Watt. Peraltro, c'è il rischio che la nuvola di polvere sollevata impedisca di vedere chiaramente il drone nella sequenza video che Perseverance dovrebbe riprendere; c'è anche la possibilità che tale polvere, una volta finito il volo, ricada depositarsi in abbondanza sopra il pannello solare, impedendo di ricaricare le batterie. Il team al riguardo si dimostra però abbastanza ottimista e, facendo i dovuti scongiuri, Ingenuity ci regalerà uno spettacolo unico sorvolando per la prima volta la superficie di un altro pianeta! 

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 122 volta/e Ultima modifica Sabato, 10 Aprile 2021 11:16

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Guarda il video

Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 4/5 - Sol 864] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 Aprile [updated on 04/1...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista