Scritto: Mercoledì, 07 Aprile 2021 05:05 Ultima modifica: Mercoledì, 07 Aprile 2021 06:04

Che tempo fa nel cratere Jezero?


Il Mars Environmental Dynamics Analyzer (MEDA) a bordo di Perseverance si è acceso la prima volta per 30 minuti il 19 febbraio, inviando i primi dati a Terra.

Rate this item
(2 votes)
Una foto pre-lancio del sistema Mars Environmental Dynamics Analyzer (MEDA). Una foto pre-lancio del sistema Mars Environmental Dynamics Analyzer (MEDA). Crediti: NASA/JPL-Caltech

"Dopo una fase di discesa e atterraggio da mangiarsi le unghie, il nostro team MEDA ha atteso con ansia i primi dati che confermassero che il nostro strumento era sano e salvo", ha detto Jose Antonio Rodriguez Manfredi, ricercatore principale del Centro de Astrobiología (CAB) presso l'Instituto Nacional de Tecnica Aeroespacial a Madrid. "Sono stati momenti di grande intensità ed emozione. Finalmente, dopo anni di lavoro e pianificazione, abbiamo ricevuto il primo rapporto dati da MEDA. Il nostro sistema era attivo e inviava i suoi primi dati meteorologici e immagini dalla SkyCam".

Perseverance sol 9 SKYCam

Perseverance sol 9 SKYCam
Crediti: NASA/JPL-Caltech/CAB

MEDA è una suite di circa 5,5 chilogrammi che contiene sensori ambientali per registrare i livelli di polvere e sei condizioni atmosferiche: vento (velocità e direzione), pressione, umidità relativa, temperatura dell'aria, temperatura del suolo e radiazione (dal Sole e dallo spazio). Il sistema si accende ogni ora e, dopo aver registrato e memorizzato i dati, entra in sospensione indipendentemente dalle operazioni del rover, sia di giorno che di notte. MEDA è l'evoluzione del REMS (Rover Environmental Monitoring Station) a bordo di Curiosity, che è stato meno fortunato durante l'atterraggio nel cratere Gale perdendo un sensore fin dall'inizio della missione.

 

Il meteo nel cratere Jezero

I primi dati indicano che la temperatura era poco inferiore a -20 gradi Celsius appena il sistema ha iniziato a registrare il giorno dell'atterraggio. Ed è scesa a -25,6 gradi Celsius nella mezz'ora successiva. Il sensore di radiazioni e polvere ha mostrato che Jezero stava vivendo, nello stesso periodo, un'atmosfera più pulita del cratere Gale che si trova a 3.700 chilometri di distanza. Inoltre, la pressione media era di 718 Pascal, ben all'interno dell'intervallo 705-735 Pascal previsto dai modelli.

 

Osservazioni incrociate

Grazie alle osservazioni con i telescopi terrestri ed ai veicoli spaziali in orbita attorno a Marte, gli scienziati hanno una buona comprensione del clima del pianeta ma studiare quello che accade su scala locale è fondamentale ed andrà a beneficio delle future missioni, inclusa l'imminente Mars Sample Return.

Nel prossimo anno MEDA fornirà preziose informazioni sui cicli di temperatura, flussi di calore, cicli di polvere e su come le particelle di polvere interagiscono con la luce, influenzando sia la temperatura che il tempo. Altrettanto importanti saranno le letture dell'intensità della radiazione solare, delle formazioni nuvolose e dei venti locali.

(Leggi anche qui per i dust devil nel cratere Jezero)

MEDA fornirà misurazioni ancora più dettagliate rispetto al REMS di Curiosity. Potrà registrare la temperatura a tre altezze atmosferiche: 0,84 metri, 1,45 metri e 30 metri, oltre alla temperatura superficiale. Il sistema utilizza sensori sul corpo e sull'albero del rover e un sensore a infrarossi in grado di misurare la temperatura a circa 30 metri sopra il rover. Registrerà, inoltre, la quantità di radiazione vicino alla superficie, in preparazione delle future missioni di esplorazione umana su Marte. 

Con i bollettini meteorologici di MEDA, gli ingegneri ora dispongono i dati atmosferici da tre diverse località del Pianeta Rosso: il cratere Jezero (Perseverance), il cratere Gale (Curiosity) ed Elysium Planitia (il lander Insight) che ospita i sensori di temperatura e vento (il dettaglio nei nostri Missione Log). Questi set preziosi consentiranno una comprensione più profonda dei modelli meteorologici, degli eventi e delle turbolenze atmosferiche marziane. A breve termine, le informazioni inviate da MEDA saranno fondamentali per pianificare il primo volo di Ingenuity, atteso non prima dell'11 aprile.

%MCEPASTEBIN%

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 78 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 07 Aprile 2021 06:04

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 11/4 - Sol 843] - Meteoro...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Aprile [updated on 04/1...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 10Aprile [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 10 Aprile [Last update...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista