Scritto: Lunedì, 22 Febbraio 2021 05:20 Ultima modifica: Lunedì, 22 Febbraio 2021 07:25

Marte: Ingenuity chiama Terra In evidenza


Il piccolo drone marziano, che ha viaggiato per 203 giorni e 472 milioni di chilometri attaccato alla pancia di Perseverance, ha comunicato con il Centro Missione per la prima volta.

Rate this item
(1 Vote)
Marte: Ingenuity chiama Terra Credti: NASA/JPL-Caltech

Il team di missione del Jet Propulsion Laboratory della NASA ha ricevuto il downlink del primo rapporto dopo l'ammartaggio, alle 00:30 ita italiana via Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), la sonda statunitense che, oltre a continuare l'esplorazione del Pianeta Rosso, funge anche da ponte per le comunicazioni con la Terra.

Ingenuity sta bene, ha detto la NASA nel comunicato, e rimarrà attaccato al rover per 30-60 giorni.

"Ci sono due elementi importanti che stiamo cercando nei dati: lo stato di carica delle batterie di Ingenuity e la conferma che la base funziona come progettato, comandando ai riscaldatori di spegnersi ed accendersi per mantenere l'elettronica dell'elicottero entro i parametri previsti", ha detto Tim Canham, responsabile delle operazioni di Ingenuity al JPL. “Entrambe sembrano funzionare alla grande". La base è una sorta di stazione elettrica sul rover che immagazzina ed instrada le comunicazioni tra l'elicottero marziano e la Terra.

Ora, il team procederà ricaricando le batterie dell'elicottero.
Si tratta di sei batterie agli ioni di litio comunemente in commercio che, attualmente, ricevono energia dall'alimentazione del rover ma quando il drone sarà rilasciato sulla superficie di Marte, si ricaricheranno esclusivamente dal suo pannello solare.

Garantire che Ingenuity disponga di molta energia immagazzinata per mantenere riscaldamento ed altre funzioni vitali, è essenziale per il successo della dimostrazione.
Un'accensione di un'ora porterà le batterie al 30% della loro capacità totale, un'accensione successiva al 35% e saranno previste sessioni di ricarica settimanali mentre l'elicottero rimarrà collegato a Perseverance.
I dati della prima sessione di carica, confrontati con quelli registrati durante la fase di crociera verso Marte, aiuteranno gli ingegneri a pianificare le prossime accensioni. 

Quando il drone sarà pronto per il primo test di volo, avrà tempo 30 giorni marziani (31 giorni terrestri) per un totale di quattro voli sperimentali (leggi qui per un approfondimento). Sempre che riesca a decollare e a librarsi nella sottile atmosfera di Marte e, prima ancora, riesca a sopravvivere ai meno 90 gradi Celsius delle fredde notti marziane.
"Siamo in un territorio inesplorato ma questo team ci è abituato", ha affermato MiMi Aung, project manager di Ingenuity al JPL. “Quasi ogni pietra miliare da qui alla fine del nostro programma di dimostrazione di volo, sarà la prima e ognuna deve avere successo affinché si possa passare a quella successiva".

Gli aeromobili di nuova generazione, i discendenti di Ingenuity, potranno un giorno aggiungere una nuova dimensione alla futura esplorazione del Pianeta Rosso: un punto di vista unico, tra la visuale degli orbiter e quella dei rover o dei lander in superficie.
Buona fortuna!

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 58 volta/e Ultima modifica Lunedì, 22 Febbraio 2021 07:25

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 febbraio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 Febbraio [Last upda...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 24 febbraio [Last upda...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 febbraio [updated on Fe...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 20/2/21 - Sol 793] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Hot! (aggiornato il 27/01/21). Le manovre del...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista