Scritto: Venerdì, 21 Gennaio 2022 06:00 Ultima modifica: Venerdì, 21 Gennaio 2022 06:07

Rosalind Franklin: ultimi preparativi per il lancio di settembre


Dopo mesi di manutenzione e test funzionali, il rover dell'ESA della missione ExoMars 2022, è finalmente in dirittura di arrivo per il lancio, previsto a settembre.

Rate this item
(3 votes)
Rosalind Franklin: ultimi preparativi per il lancio di settembre
Crediti: ESA

"Il rover è pronto e, insieme al recente successo del test di caduta per il paracadute, siamo sicuri di essere in tempo per la data di lancio di settembre", ha detto Pietro Baglioni, team leader del rover ExoMars dell'ESA.

Solo una volta ogni due anni e per una decina di giorni, la meccanica celeste consente alle navicelle spaziali di raggiungere Marte dalla Terra in modo efficiente. Il viaggio di Rosalind Franklin durerà circa nove mesi.

Il rover ora si trova in Italia, in una ultra-clean room presso la sede di Thales Alenia Space a Torino, accanto al suo compagno di viaggio, la piattaforma di atterraggio Kazachok.
Dopo una revisione finale, che si svolgerà a fine marzo, tutti i componenti del veicolo spaziale, rover, modulo di discesa, piattaforma di atterraggio e vettore, saranno spostati al sito di lancio a Baikonur, in Kazakistan.

Primi passi

Dopo i famosi 6 o 7 "minuti di terrore", Rosalind Franklin lascerà la piattaforma di atterraggio e mouverà i primi passi sul suolo marziano.
"L'uscita da Kazachok è una mossa accuratamente coreografata che gli ingegneri stanno provando sulla Terra", si legge nel comunicato. Il rover gemello, finora conosciuto come Ground Test Model e da poco ribattezzato Amalia, ha recentemente concluso questo test con successo. Tuttavia, su Marte si svolgerà tutto più lentamente: mentre gli esercizi in laboratorio sono durati circa 15 minuti, dopo l'atterraggio, il rover impiegherà oltre una settimana per dispiegare le ruote, l'albero ecc.

Amalia è stato dedicato alla grande Amalia Ercoli Finzi, la prima donna a laurearsi in ingegneria aeronautica in Italia che, oltre a prestare servizio come consulente scientifico per ESA e NASA, ha progettato il trapano sul lander Philae di Rosetta e ha fortemente spinto per lo sviluppo della trivella ExoMars già 20 anni fa.

La piattaforma di atterraggio ha due rampe di uscita: una davanti e un'altra dietro. Rosalind è progettato per superare ripide pendenze sulle rampe ma sarà il controllo missione sulla Terra a decidere quale sarà la strada più sicura.

ExoMars 2022 journey pillars

TGO in attesa

Il Trace Gas Orbiter (TGO) ESA-Roscosmos attende l'arrivo di ExoMars 2022 sul Pianeta Rosso. Questa missione, che ha subito diversi ritardi, sembra finalmente giunta sulla linea di partenza, dopo aver affrontato anche diversi stop a causa della pandemia COVID-19.

"La cooperazione tra l'industria europea e quella russa, il coordinamento tra le agenzie spaziali e il lavoro dei team tecnici sono stati notevoli", ha commentato Baglioni.

I team hanno risolto problemi critici lavorando in parallelo, come il sistema del paracadute e l'elettronica del modulo di discesa, con un margine sufficiente per un lancio di settembre 2022. I preparativi a Baikonur sono iniziati e un team di supporto dedicato è attivo presso il centro ESOC di Darmstadt, Germania.

La missione ESA-Roscosmos ExoMars 2022 verrà lanciata su un razzo Proton-M con uno stadio superiore Breeze-M da Baikonur, Kazakistan, nella finestra di lancio dal 20 settembre al 1 ottobre 2022.

Una volta atterrato in sicurezza nella regione Oxia Planum su Marte il 10 giugno 2023, il rover scenderà quindi dalla piattaforma, alla ricerca di siti geologicamente interessanti da perforare, per determinare se la vita sia mai esistita sul Pianeta Rosso.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 189 volta/e Ultima modifica Venerdì, 21 Gennaio 2022 06:07

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2022.

StatisticaMENTE

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 Maggio. ...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 18 maggio. Statistiche sul...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora