Scritto: Lunedì, 20 Settembre 2021 04:47 Ultima modifica: Lunedì, 20 Settembre 2021 06:09

ExoMars: il rover buca con successo la sua prima roccia sulla Terra


Il gemello di Rosalind Franklin, della missione congiunta ESA-Roscosmos ExoMars, ha perforato ed estratto campioni a 1,7 metri di profondità sulla Terra, arrivando più in profondità di qualsiasi altro rover o lander marziano.

Rate this item
(1 Vote)
Test di perforazione del gemello di Rosalind Franklin. Test di perforazione del gemello di Rosalind Franklin. Crediti: Thales Alenia Space

La raccolta di test è stata provata su una pietra abbastanza dura e la sua consegna al laboratorio interno del rover replica, chiamato Ground Test Model, segna una pietra miliare per la missione prevista per il 2022.

Il rover Rosalind Franklin è progettato per perforare abbastanza in profondità, fino a due metri, per accedere a materiale organico ben conservato di quattro miliardi di anni fa, quando le condizioni sulla superficie di Marte erano più simili a quelle della Terra. I primi campioni sono stati raccolti nell'ambito di una serie di prove condotte presso il Mars Terrain Simulator presso la sede dell'ALTEC a Torino.

La perforazione

Il Ground Test Model ha perforato un pozzo pieno di una varietà di rocce e strati di terreno. Il primo campione è stato prelevato da un blocco di argilla cementata di media durezza.
La perforazione è avvenuta su una piattaforma dedicata inclinata di sette gradi per simulare la raccolta di un campione in posizione non verticale. Il trapano ha acquisito il campione sotto forma di un pellet di circa 1 centimetro di diametro.

Il trapano, progettato da Leonardo, trattiene il campione con un otturatore che ne impedisce la fuoriuscita durante il recupero. Dopodiché viene consegnato al laboratorio all'interno. Con il trapano completamente retratto, la roccia viene fatta cadere in un cassetto nella parte anteriore del rover, che poi preleva e deposita il campione in una stazione di frantumazione. La polvere risultante viene distribuita in forni e contenitori progettati per eseguire le analisi scientifiche. "L'acquisizione affidabile di campioni profondi è la chiave per il principale obiettivo scientifico di ExoMars: studiare la composizione chimica e i possibili segni di vita del suolo che non è stato sottoposto a dannose radiazioni ionizzanti", ha affermato lo scienziato del progetto ExoMars Jorge Vago.

"La progettazione e la costruzione del trapano sono state così complesse che questa prima perforazione profonda è un risultato straordinario per il team", ha detto Pietro Baglioni, capo squadra del rover ExoMars.

Il trapano di Rosalind Franklin funziona a rotazione. Una serie di strumenti e aste di prolunga è montata per formare una "corda di perforazione" che, completamente estesa, raggiunge i 2 metri. Può penetrare nel terreno a 60 giri al minuto, a seconda della consistenza del terreno. Il trapano ha anche un posizionatore a due gradi di libertà che gli consente di scaricare il campione ad angolo retto nel laboratorio rover.

Ready to drill pillars

La perforazione è avvenuta su una piattaforma dedicata inclinata di sette gradi per simulare la raccolta di un campione in posizione non verticale.
Crediti: Thales Alenia Space

 

Non è facile come sembra

"Forare pietre dure a una profondità di due metri su una piattaforma mobile su ruote con meno di 100 watt di potenza è un compito complesso", ha spiegato Andrea Merlo, ingegnere funzionale del Rover ExoMars di Thales Alenia Space. Farlo sulla Terra è ancora più difficile perché bisogna simulare la gravità di Marte, che è circa un terzo di quella terrestre, appendendo il modello al soffitto su un dispositivo di compensazione.

Nel frattempo il Ground Test Model ha anche completato con successo una serie di test per spostarsi e identificare i bersagli durante l'acquisizione di immagini e dati.
Il rover ha dimostrato di poter seguire traiettorie precise e rilevare l'ambiente sopra e sotto la superficie con i suoi strumenti, tra cui telecamere, spettrometri, un radar e un rilevatore di neutroni.
Parallelamente, il vero rover Rosalind Franklin si sta preparando al viaggio: la finestra di lancio per ExoMars si aprirà il 20 settembre 2022.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 151 volta/e Ultima modifica Lunedì, 20 Settembre 2021 06:09

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2021. 

StatisticaMENTE

Tiangong 3 orbit

Tiangong 3 orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 ottobre [Last update:&nb...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 ottobre [updated on 10/...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 10/10 - Sol 1015] - Meteo...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista