Scritto: Domenica, 04 Luglio 2021 05:31 Ultima modifica: Lunedì, 05 Luglio 2021 12:39

Migliorano i risultati dei test per i paracadute di ExoMars


Dopo diverse settimane di maltempo e forte vento, l'ultimo paio di test di caduta ad alta quota dei paracadute ExoMars si è svolto a Kiruna, in Svezia. Ed il risultato è stato soddisfacente.

Rate this item
(3 votes)
Il dispiegamento del paracadute ExoMars durante il test ad alta quota. Il dispiegamento del paracadute ExoMars durante il test ad alta quota. Crediti: Vorticity

Il paracadute principale del primo stadio largo 15 metri si è comportato perfettamente a velocità supersoniche, mentre il paracadute del secondo stadio largo 35 metri ha subito un danno minore ma ha decelerato il modello della piattaforma di atterraggio come previsto.

 

Come atterrerà ExoMars

Il lancio della missione ESA-Roscosmos ExoMars, con il rover Rosalind Franklin e la piattaforma di superficie Kazachok, è previsto per settembre 2022. Dopo un viaggio interplanetario di nove mesi, un modulo di discesa contenente il rover ed il lander sarà rilasciato nell'atmosfera marziana a una velocità di 21.000 chilometri orari. Dopo l'ingresso nell'atmosfera e il conseguente frenaggio aerodinamico tramite lo scudo termico (che da solo ridurrà la velocità del veicolo da 21000 chilometri orari 1700 chilometri orari), verranno utilizzati due paracadute, ognuno con il proprio mini-paracadute pilota per l'estrazione (figura qui sotto). Venti secondi dopo l'apertura del primo paracadute supersonico, largo 15 metri, verrà dispiegato il secondo subsonico, largo 35 metri, a una velocità di 400 chilometri orari. Dopo la separazione del secondo paracadute a circa 1 chilometro dal suolo, i retrorazzi entreranno in azione per depositare dolcemente sul suolo la piattaforma di atterraggio, con il rover incapsulato all'interno.

ExoMars 2020 parachute deployment sequence

La sequenza di apertura dei paracadute di ExoMars 2020 - Creiti: ESA

 

Problemi, test e... problemi

Purtroppo, a seguito dei test ad alta quota eseguiti tra il 2019 ed il 2020, i paracaduti mostrarono preoccupanti debolezze e lacerazioni tanto da far slittare l'intera missione di altri due anni, al 2022.
Da allora, la risoluzione del problema è stata una priorità per gli ingegneri. Il team ha migliorato il design eseguendo prove di dispiegamento dinamico a terra e di rapida rotazione presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA in California lo scorso anno. E per mitigare i rischi prima di eseguire questi test di caduta ad alta quota, l'ESA ha ordinato un paracadute di riserva dal produttore statunitense Airborne Systems, la stessa azienda che ha fornito il sistema di paracadute a Perseverance.

Durante i test di caduta più recenti, svolti il 24 e 25 giugno presso la Swedish Space Corporation Esrange, un modulo di discesa fittizio è stato sollevato fino a 29 chilometri di quota da un pallone stratosferico. Il primo test si è concentrato sulla convalida del paracadute supersonico. Il secondo test è stato effettuato la notte successiva utilizzando il paracadute subsonico. Ogni test è stato progettato per applicare il pieno carico previsto durante l'ingresso, la discesa e l'atterraggio su Marte, il tutto con margini di sicurezza aggiuntivi.

"Siamo molto felici di annunciare che il primo paracadute principale ha funzionato perfettamente: abbiamo un design di paracadute supersonico che può volare su Marte", ha affermato Thierry Blancquaert, leader del programma ExoMars, osservando che "ci saranno almeno altre due opportunità per testare questo progetto di paracadute ed acquisire ulteriore fiducia”.
Invece, “le prestazioni del secondo paracadute principale non sono state perfette", ha detto, "ma molto migliorate grazie alle regolazioni fatte alla sacca e alla capottina. Dopo un'estrazione regolare dalla sacca, abbiamo riscontrato un distacco inaspettato del pilota durante il gonfiaggio finale. Ciò probabilmente significa che il paracadute principale ha subito una pressione extra in alcune parti. Questo ha creato uno strappo contenuto da un anello di rinforzo in Kevlar. Nonostante ciò, ha rispettato la decelerazione prevista e il modulo di discesa è stato recuperato in buono stato”.

Il team esaminerà più in dettaglio l'origine di questa nuova anomalia prima di finalizzare la configurazione della prossima coppia di test di caduta prevista per ottobre/novembre 2021 in Oregon, USA.

Mentre i test di caduta ad alta quota richiedono una logistica complessa e condizioni meteorologiche rigorose, che li rendono difficili da programmare e da eseguire, eventuali modifiche apportate al sistema potranno essere testate sul banco di prova di estrazione dinamica presso la NASA/JPL. Questi test possono essere ripetuti in tempi rapidi e riducono il rischio di anomalie.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 102 volta/e Ultima modifica Lunedì, 05 Luglio 2021 12:39

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista