Scritto: Domenica, 07 Aprile 2013 12:56 Ultima modifica: Domenica, 05 Maggio 2013 11:55

Congiunzione Marte - Sole: dai rover le ultime immagini prima del blackout


Dal 4 aprile al 1 maggio tra la Terra e Marte le comunicazioni saranno ridotte al minimo, tutta colpa dell'allineamento Terra - Sole - Marte che si verifica ogni 26 mesi circa.

Marte, visto dalla Terra, ora, si trova dietro al Sole e questo crea interferenze di trasmissione tra i due pianeti. Per non correre rischi, ogni operazione scientifica è stata sospesa.

Rate this item
(0 votes)

Solar conjunction

Credit: NASA / JPL

Dal 4 aprile al 1 maggio tra la Terra e Marte le comunicazioni saranno ridotte al minimo, tutta colpa dell'allineamento Terra - Sole - Marte che si verifica ogni 26 mesi circa.

Marte, visto dalla Terra, ora, si trova dietro al Sole e questo crea interferenze di trasmissione tra i due pianeti. Per non correre rischi, ogni operazione scientifica è stata sospesa.

"Questa è la nostra sesta congiunzione per Odyssey", che orbita intorno a Marte dal 2001, spiega Chris Potts del NASA Jet Propulsion Laboratory, Pasadena, California. "Abbiamo un sacco di esperienza utile per affrontarla, anche se ogni congiunzione è un po' diversa".
Le congiunzioni, infatti, variano non solo in base a quanto Marte passa dietro al Sole ma per l'attività Solare e proprio in questo periodo è previsto l'avvicinarsi del massimo solare per il ciclo 24 che, anche se più debole del previsto, potrebbe aumentare i disagi alle comunicazioni.

"La differenza più grande per questa congiunzione del 2013 è che Curiosity è su Marte", ha detto Potts. Odyssey e Mars Reconnaissance Orbite MRO sono un ponte per le comunicazioni tra i rover Opportunity e Curiosity con la Terra, oltre a condurre le loro osservazioni scientifiche.

Le trasmissioni tra gli orbiter e la Terra saranno sospese dal 9 al 26 aprile e tutte e due le sonde continueranno le loro analisi ma su scala ridotta rispetto ai ritmi consueti. Entrambi registreranno i dati dei rover, mentre Odissey trasmetterà comunque durante il mese di aprile, sia pur con alcune interruzioni.
MRO, invece, è entrato in una modalità di sola registrazione dal 4 di aprile e trasmetterà nuovamente tutti i dati il 1 maggio.

Per i rover, tutte le attività programmate in questo mese non includono alcuna guida.

"Manterremo la visibilità dello stato del rover in due modi", ha detto Torsten Zorn del JPL, del team operativo della missione Curiosity. "In primo luogo, Curiosity invierà segnali acustici quotidiani direttamente verso la Terra. La nostra seconda linea di controllo è nei relè per le comunicazioni di Odyssey".
"E' un segnale molto semplice, come un' sì 'o un' no ', che ci dirà che il veicolo è OK, o almeno non credo che possa avere dei problemi," aggiunge Jim Erickson, vice-responsabile del progetto Curiosity alla NASA.

Curiosity è stato parcheggiato con la MastCam e il braccio robotico bloccati in posizioni sicure, mentre continuerà a rilevare dati ambientali con la stazione meteorologica REMS e il RAD, per misurare i livelli di radiazioni.

Nel frattempo, il catalogo di immagini raw del rover si è fermato al 4 aprile sol 235 e dovremo pazientare fino al mese prossimo per iniziare ad avere qualche nuovo scatto.

Di sicuro il rover ha lavorato fino all'ultimo: nel sol 227 il team deve aver deciso di utilizzare la ChemCam e il laser per analizzare l'interno del foro effettuato con il trapano su John Klein.
I fori prodotti dal laser sono ben visibili da un dettaglio della MastCam right del sol 232:

Curiodity sol 232 MastCam right detail - multiple laser shots 

Curiodity sol 232 MastCam right detail - multiple laser shots
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Mentre osservando le foto del SAM del sol 90 e del sol 227, sembra che si sia accumulata diversa polvere su Curiosity, le rocce del paesaggio circostante sembrano aver cambiato colore ed aver subito una pulizia generale.

Curiosity sol 90 SAM Curiosity sol 227 SAM
Curiosity sol 90 SAM
Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS
 Curiosity sol 227 SAM
Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

 Curiosity sol 179 sol 232 MastCam right

Curiosity sol 179 sol 232 MastCam right
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Curiosity sol 200 sol 233 MastCam right

 Curiosity sol 200 sol 233 MastCam right
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

E, giustamente, non poteva mancare una foto del Sole:

Curiosity sol 233 MastCam right debayer

 Curiosity sol 233 MastCam right debayer
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Opportunity, invece, come Odissey, è un veterano e ha già passato quattro congiunzioni sul Pianeta Rosso: si terrà impegnato con qualche attività scientifica di basso livello che non coinvolge la guida.

Dopo essere ritornato a Kirkwood per ulteriori analisi sulle Newberry è ormai pronto a ripartire per dirigersi verso Solander Point, dove trascorrerà il prossimo inverno marziano. Tuttavia, passerà la congiunzione in una posizione chiamata "Big Nickel".

Ecco un mosaico delle ultime immagini scattate con Microscopic Imager, trasmesse dal rover:

Opportunity sol 3262 - 3264 - 3267 Microscopic Imager mosaic

Opportunity sol 3262 - 3264 - 3267 Microscopic Imager mosaic
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Nella zona osservata è presente un interessante dettaglio: una vena minerale chiara.
Sembra una sorta di colatura: potrebbe essere gesso ma il fatto che dalle immagini appaia leggermente lucida ci fa scartare questa ipotesi. Speriamo arrivi presto qualche dato ufficiale.

Opportunity sol 3267 Microscopic Imager detail

Opportunity sol 3267 Microscopic Imager detail
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Opportunity sol 3267 Microscopic Imager anaglyph detail

Opportunity sol 3267 Microscopic Imager anaglyph detail
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Read 2593 times Ultima modifica Domenica, 05 Maggio 2013 11:55
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 1 Dicembre [Last update:&nb...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 1 Dicembre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/11 - Sol 712] - Meteor...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 26 novembre [updated on Nov,28]...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista