Scritto: Sabato, 15 Gennaio 2022 05:00 Ultima modifica: Giovedì, 07 Aprile 2022 07:27

Onda su onda... al polo nord di Marte!


Le mega-increspature di sabbia, create dal vento e osservate al polo nord di Marte, ritenute reliquie inattive del clima passato del pianeta, in realtà si spostano, si muovono e migrano, così come le dune.

Rate this item
(0 votes)
Onda su onda... al polo nord di Marte!
Crediti: HiRISE digital terrain model DTEPC_036176_2640_035926_2640_A01 and color orthoimage ESP_053345_2640. HiRISE data: NASA/JPL/University of Arizona

Il nuovo studio è stato condotto dal ricercatore Matthew Chojnacki del Planetary Science Institute.

Le mega-increspature sono alte da 1 a 2 metri e hanno una spaziatura da 5 a 40 metri, invece delle usuali dimensioni che di aggirano intorno ai 40 centimetri di altezza con una spaziatura da 1 a 5 metri. Anche le dune sono mega: possono raggiungere centinaia di metri di altezza con una spaziatura da 100 a 300 metri.

Mentre i tassi di migrazione delle mega-increspature sono generalmente lenti (in media 0,13 metri per anno terrestre), è stato riscontrato che alcune delle increspature sul Pianeta Rosso migrano per un equivalente medio di 9,6 metri all'anno in soli 22 giorni terrestri nell'estate settentrionale. Tassi di migrazione senza precedenti per Marte. 

"Usando immagini HiRISE ripetute, acquisite nel lungo periodo, abbiamo esaminato l'attività dinamica delle forme polari. Abbiamo scoperto che la sottile atmosfera marziana può mobilitare alcune mega-increspature a grana grossa, ribaltando le nozioni precedenti secondo cui si trattava di morfologie reliquie statiche da un clima passato. Abbiamo mappato mega-increspature e morfologie adiacenti attraverso i mari di sabbia del polo nord, la più vasta collezione di campi di dune su Marte", ha affermato Chojnacki.


Arriva la primavera

Naturalmente, monitorare il polo nord di Marte, che nei mesi più freddi è ricoperto di ghiaccio e anidride carbonica congelata, non è semplice. Tuttavia, sembra che le mega-increspature, bloccate per la maggior parte dell'anno, inizino a migrare allegramente con le brezze primaverili. "Sembra che i venti della tarda primavera e dell'estate che scendono dalla calotta polare abbiano più che compensato questi altri periodi di inattività", ha detto Chojnacki.

"È stato riscontrato che le mega-increspature sono diffuse in tutta la regione e migrano a velocità relativamente elevate rispetto ad altri siti su Marte che si trovano a latitudini inferiori. Questa maggiore attività è probabilmente correlata ai maggiori flussi di sabbia trovati nelle dune vicine, guidati dall'estate e venti stagionali quando il ghiaccio polare inizia a sublimare. Ciò supporta l'idea che gran parte della superficie marziana viene attivamente modificata e non sia solo antica o statica", ha detto Chojnacki. "Al contrario, altre mega-increspature sembrano essere stabilizzate, probabilmente dal ghiaccio intergranulare all'interno e di un vento locale più debole".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 128 volta/e Ultima modifica Giovedì, 07 Aprile 2022 07:27

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Guarda il video

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 2 febbraio. Statistiche su...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB