Scritto: Giovedì, 18 Luglio 2013 05:42 Ultima modifica: Giovedì, 18 Luglio 2013 06:42

Marte: un antico delta e un vasto oceano di miliardi di anni fa


Studiando i dati e le foto orbitali della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), gli scienziati hanno individuato ulteriori prove di un vasto oceano che avrebbe coperto gran parte della superficie di Marte miliardi di anni fa.

Secondo la ricerca, le immagini mostrerebbero l'evidenza del delta di un antico fiume che alimentava con le sue acque un vasto oceano, esteso su oltre un terzo della superficie del Pianeta Rosso.

Rate this item
(0 votes)

Aeolis Dorsa - antico delta e antico oceano

Credit: DiBiase et al./Journal of Geophysical Research/2013 and USGS/NASA Landsat

Studiando i dati e le foto orbitali della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), gli scienziati hanno individuato ulteriori prove di un vasto oceano che avrebbe coperto gran parte della superficie di Marte miliardi di anni fa.

Secondo la ricerca, le immagini mostrerebbero l'evidenza del delta di un antico fiume che alimentava con le sue acque un vasto oceano, esteso su oltre un terzo della superficie del Pianeta Rosso.

"Gli scienziati hanno a lungo ipotizzato che le pianure settentrionali di Marte fossero il fondo di un oceano prosciugato ma nessuno ancora aveva mai trovato le prove", spiega il coautore dello studio Mike Lamb del California Institute of Technology (Caltech) di Pasadena.

Il team ha studiato i dati e le foto orbitali ad alta risoluzione delle pianure settentrionali di Marte, scattate con la fotocamera HiRISE a bordo della sonda MRO, che può risolvere caratteristiche superficiali fino a 25 centimetri.

In particolare l'attenzione dei ricercatori si è concentrata su una zona di 100 chilometri quadrati che fa parte di una regione più ampia chiamata Aeolis Dorsa, a circa 1.000 chilometri dal cratere Gale dove sta lavorando Curiosity.

Una sezione di Aeolis Dorsa presenza canali frastagliati che si sarebbero formati con i depositi di materiale più grosso, come la ghiaia, portato dall'acqua fluviale. I fiumi, poi, sarebbero evaporati lasciano l'accumulo di rocce che vediamo oggi ai lati dell'alveo.

Grazie alle immagini orbitali gli scienziati hanno potuto ricostruire la sezione verificando la direzione del flusso d'acqua e la pendenza del letto dell'antico fiume, del tutto simile ai delta dei fiumi terrestri quando raggiungono il mare.

Evidenze di antichi corsi d'acqua sono già state scoperte su Marte ma sempre all'interno di crateri o zone delimitate che potevano far ipotizzare la presenza di laghi. In questo caso, è diverso:

"Questo è probabilmente uno degli elementi più convincenti come prova di un delta in una regione senza confini - un delta che implica l'esistenza di un grande corpo di acqua nell'emisfero settentrionale di Marte", sottolinea l'autore dello studio Roman DiBiase, sempre della Caltech.

Aeolis Dorsa - antico delta e antico oceano

Credit: DiBiase et al./Journal of Geophysical Research/2013

Sulla dimensione di questo oceano ancora il dibattito è aperto ma avrebbe coperto almeno tutta Aeolis Dorsa che si estende per circa 100.000 chilometri quadrati: potrebbe essere l'oceano, a lungo ipotizzato, che avrebbe coperto gran parte dell'emisfero settentrionale, circa un terzo del pianeta, dove la superficie è pianeggiante e ad una quota inferiore rispetto all'emisfero sud.

Un'altra interpretazione, tuttavia, potrebbe essere che il delta scoperto oggi, fosse un tempo, anche lui, confinato all'interno di un cratere che ora non vediamo più perché eroso. Ma questa interpretazione implicherebbe una superficie marziana molto più attiva del previsto.

La ricerca ora continuerà lungo le ipotetiche coste alla ricerca di ulteriori prove.

Lo studio è stato pubblicato sul numero del 12 luglio del Journal of Geophysical Research.

Fonte: http://www.space.com/21984-mars-ocean-ancient-river-delta.html
Traduzione ed adattamento a cura di Elisabetta Bonora

Read 1710 times Ultima modifica Giovedì, 18 Luglio 2013 06:42
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS