Scritto: Mercoledì, 12 Giugno 2013 06:44 Ultima modifica: Mercoledì, 12 Giugno 2013 07:08

I canali sulle dune marziane? Forse tracce lasciate dal ghiaccio


Un nuovo studio della NASA indica che il ghiaccio secco di Marte può scivolare verso il basso, su cuscinetti di gas, come un hovercraft in miniatura, lasciando chiare tracce sulle dune di sabbia.
I ricercatori ritengono che questo processo spieghi una classe engmatica di calanchi, identificati grazie alle immagini della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).
Esperimenti sulle dune di sabbia sulla Terra, nello Utah e in California, confermerebbero l'ipotesi.

Rate this item
(0 votes)

Linear gullies on Mars

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizon

Un nuovo studio della NASA indica che il ghiaccio secco di Marte può scivolare verso il basso, su cuscinetti di gas, come un hovercraft in miniatura, lasciando chiare tracce sulle dune di sabbia.
I ricercatori ritengono che questo processo spieghi una classe engmatica di calanchi, identificati grazie alle immagini della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).
Esperimenti sulle dune di sabbia sulla Terra, nello Utah e in California, confermerebbero l'ipotesi.

"Ho sempre sognato di andare su Marte", ha detto Serina Diniega, scienziato planetario presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, e autore di un rapporto pubblicato online dalla rivista Icarus.
"Ora sogno lo snowboard giù da duna di sabbia marziana su un blocco di ghiaccio secco".

Queste gole marziane sono lineari ed hanno una larghezza abbastanza costante, in genere qualche metro, con sponde più alte.
A differenza dei canaloni scavati dall'acqua sulla Terra (e forse anche su Marte), non presentano un tappeto di detriti a forma di ventaglio alla base ma molti finiscono in avvallamenti.

Diversi tipi di canaloni marziani

Credit: NASA/JPL-Caltech/ASA/MSSS/UA

Le immagini dell'esperimento High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) a bordo della sonda MRO, mostrano dune di sabbia con canaloni lineari coperti da anidride carbonica ghiacciata in inverno.
Confrontando le immagini riprese in stagioni diverse, i ricercatori hanno notato che i solchi si formano in primavera. In alcune foto, si notano anche oggetti lucenti e con un forte albedo nei canaloni stessi: probabilmente pezzi di ghiaccio.

Marte - cratere Matara

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Sulla Terra non disponiamo di anidride carbonica ghiacciata in natura e quindi il co-autore dello studio, Candice Hansen, del Planetary Science Institute di Tucson, in Arizona, ha acquistato dei lastroni di ghiaccio secco e li ha fatti scivolare giù, da dune di sabbia.

In diversi esperimenti, l'anidride carbonica spigionata dal ghiaccio, ha creato una sorta di lubrificante che ha permesso alla lastra di scivolare sulla duna e creare i caratteristici argini.

Le prove esterne non possono ovviamente simulare la temperatura e la pressione di Marte ma i calcoli indicano che il ghiaccio secco si comporterebbe allo stesso modo all'inizio della primavera marziana, quando si formano i calanchi lineari.
In realtà anche il ghiaccio d'acqua su Marte, potrebbe creare lo stesso effetto ma i ricercatori sostengono che, alle condizioni ambientali in cui si formano questi canaloni, sarebbe ancora congelato.

"MRO sta dimostrando che Marte è un pianeta molto attivo", ha detto Hansen. "Alcuni dei processi che vediamo su Marte sono come i processi sulla Terra".

Letto: 1769 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 12 Giugno 2013 07:08
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista