Scritto: Giovedì, 04 Aprile 2013 06:06 Ultima modifica: Giovedì, 04 Aprile 2013 16:00

Il paracadute di Curiosity si muove con il vento marziano, dal 2012 ad oggi by NASA MRO HiRISE


La sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter è riuscita a riprendere diverse immagini, tanto da poter realizzare una sequenza, delle variazioni, nella forma e nella posizione, del paracadute di Curiosity dal giorno dell'atterraggio ad oggi.

Rate this item
(0 votes)

Curiosity ParachuteByHirise

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

La sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter è riuscita a riprendere diverse immagini, tanto da poter realizzare una sequenza, delle variazioni, nella forma e nella posizione, del paracadute di Curiosity dal giorno dell'atterraggio ad oggi.

Le foto sono state scattate dalle camera ad alta risoluzione High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) a bordo della sonda MRO.

Un'animazione composta da sette frame, scattati tra il 12 Agosto 2012 e 13 gennaio 2013, mostra come il paracadute cambia forma almeno due volte, in risposta al vento che soffia sulla superficie di Marte.

Il paracadute, largo 16 metri e lungo 50, ha rallentato la discesa del rover dopo l'ingresso nell'atmosfera marziana, lo scorso 6 agosto 2012 e nelle immagini sono visibili i cavi che ancora lo tengono agganciato alla back shell.

Nelle prime quattro foto si notano solo piccole variazioni forse dovute ad un diverso angolo di visuale e ad una differente illuminazione. Invece, tra la foto dell'8 settembre 2012 (la quarta) e quella del 30 novembre 2012 (la quinta), si è verificato un cambiamento importante di posizione e, nello stesso arco di tempo, cambia anche la disposizione del materiale scuro espulso durante l'impatto. Un altro cambiamento è avvenuto tra il 16 dicembre 2012 (la sesta immagine) e il 13 gennaio 2013 (l'ultima foto) quando il paracadute si sposta più a sud-est: questo movimento sembra pulirlo dalla polvere e lo rende ancora brillante visto dall'orbita.

Letto: 1950 volta/e Ultima modifica Giovedì, 04 Aprile 2013 16:00
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista