Scritto: Martedì, 27 Dicembre 2016 10:05 Ultima modifica: Martedì, 27 Dicembre 2016 14:29

Così crescono i ragni su Marte


Sono delle incredibili caratteristiche che si formano in primavera ed in estate in diverse regioni di Marte a causa dell'erosione dell'anidride carbonica ghiacciata. Sono note come "spiders", cioè "ragni", perché sembrano avere un corpo centrale e lunghe zampe.

Rate this item
(0 votes)
Queste cinque immagini riprese dalla fotocamera HiRISE a bordo della sonda MRO mostrano l'evolversi di queste curiose caratteristiche marziane chiamate "spiders" (ragni), dovute allo scongelamento stagionale del ghiaccio di anidride carbonica accumulato nelle regioni polari del pianeta. Queste cinque immagini riprese dalla fotocamera HiRISE a bordo della sonda MRO mostrano l'evolversi di queste curiose caratteristiche marziane chiamate "spiders" (ragni), dovute allo scongelamento stagionale del ghiaccio di anidride carbonica accumulato nelle regioni polari del pianeta. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Le fotocamere a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) ne hanno fotografati tantissimi esempi ma ora i ricercatori sono stati in grado di documentarne la nascita.
Tutto inizierebbe dalla formazione di depressioni e canali a forma di stella, versioni infantili dei ragni che possono arrivare a decine o centinaia di metri.

"Abbiamo visto per la prima volta delle caratteristiche più piccole sopravvivere ed estendersi di anno in anno e da qui iniziare i ragni più grandi", ha detto nel report Ganna Portyankina dell'Università del Colorado.
"Queste si trovano nelle zone con dune di sabbia quindi non sappiamo se continueranno a crescere o spariranno ricoperte".

Spiders marziani

Crediti: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

La sabbia, dunque, sembra essere un fattore determinante per la formazione degli spiders.
Da quando le sonde sono in orbita attorno al Pianeta Rosso è stata osservata solo la crescita delle zampe ma l'intero processo di erosione necessario per scolpire un "ragno tipico" può richiedere migliaia di anni marziani, secondo Portyankina ed il suo team.

Anche se Marte assomiglia ad alcune zone desertiche della Terra, queste caratteristiche sono uniche perché causate dall'anidride carbonica ghiacciata, o ghiaccio secco, che in natura non esiste sul nostro pianeta.
Hugh Kieffer, dello Space Science Institute, aveva spiegato il processo già nel 2007: il calore del Sole penetra nel ghiaccio riscaldando il terreno sottostante ed il gas intrappolato allo stato solido; la pressione aumenta fino a quando non si forma una crepa nello strato ghiacciato ed il gas congelato sublima, eruttando e raccogliendo particelle di sabbia e polvere; questa sorta di geyser erode il suolo mentre alcuni granelli ricadono nelle crepe fornendo al ragno una colorazione.

Present-day erosion of Martian polar terrain by the seasonal CO2 jets [abstract]

Here we report on the detection of new dendritic troughs created by the seasonal CO2 jet activity over several Martian years. According to Kieffers hypothesis (Kieffer, 2007) in Martian polar areas seasonal CO2 ice sublimation creates gas jets that deposit fans of mineral dust and sand on top of the CO2 ice. These jets and the related sub-ice gas flows are believed to carve troughs in the underlying polar deposits which, after multiple repetitions of this process throughout Martian spring seasons, create araneiform terrains.

The High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) on the Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) detected the new troughs during its campaign for seasonal monitoring of the polar areas. The newly detected dendritic troughs are small shallow branching troughs (≈ 1.4 m wide) similar to the seasonal furrows previously detected in the northern hemisphere (Bourke, 2013). The essential difference between the new troughs and furrows lies in the fact that the troughs in the south are persistent while the northern furrows are erased each Martian year by the sand movement due to summer winds. From year to year the new southern troughs extend and develop new tributaries and their overall geometry turns from linear to dendritic, a characteristic shared with araneiform terrains. We believe that furrows have the same origin as the southern dendritic troughs but do not develop into dendritic shapes because of the high mobility of the dune material into which they are carved. Several locations where new dendritic troughs are observed lie in the vicinity of dunes. This gives us an observational indication that presence of erosive sand material is an important factor in creating (or at least starting) erosive processes that lead to the formation of dendritic troughs. By extrapolation the same mechanism should be acting to create the much larger araneiform terrains. Detection of the present day erosion working in polar areas and creating new topographical features is important for understanding of the processes that shape polar areas. Several years of HiRISE observations provide us with the information about the current rate of erosion and hence help estimate minimum ages of the araneiforms and the surface into which they are carved to be 1.3 × 103 Martian years.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1708 times Ultima modifica Martedì, 27 Dicembre 2016 14:29
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 17 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 16/2/20 - Sol 434] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS