Martedì 21 Novembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Marte: scoperto un grande substrato di ghiaccio d'acqua in Utopia Planitia

Una vista tridimensionale di Utopia Planitia, in cui l'elevazione è stata esasperata per mostrare al meglio le caratteristiche topografiche.
Una vista tridimensionale di Utopia Planitia, in cui l'elevazione è stata esasperata per mostrare al meglio le caratteristiche topografiche. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Non tutta l'acqua di Marte è andata persa nello spazio! In Utopia Planitia, un deposito sotterraneo di ghiaccio contiene tanta acqua quanta quella presente nel lago Superiore della Terra, il secondo al mondo per superficie dopo il mar Caspio.
Lo strato si trova alle medie latitudini settentrionali del Pianeta Rosso, coperto al massimo da 10 metri di terreno.

"Questo deposito è probabilmente il più accessibile rispetto alla maggior parte del ghiaccio d'acqua su Marte perché è ad una latitudine relativamente bassa ed in una pianura, una zona liscia dove un veicolo spaziale può atterrare facilmente", ha detto Jack Holt della Università del Texas (Austin) in un comunicato.

Utopia Planitia è una regione molto nota e di grande interesse.
E' un grande ed antico bacino di 3.300 chilometri di diametro che fa parte delle pianure del nord di Marte.
Le immagini dall'orbita hanno sempre mostrato strane caratteristiche come fessurazioni poligonali e pozzi, tutti dettagli che sulla Terra vengono associati alla presenza di ghiaccio sotto la superficie o al permafrost. Così gli scienziati hanno iniziato a sospettare che anche su Marte si nascondesse un deposito ghiacciato. D'altra parte, la zona non è nuova per essere al centro di tali dibattiti, ricordata per l'atterraggio del lander della missione Viking 2 nel 1976, che riprese la famosa e discussa immagine di una brinata marziana.

Utopia Planitia - deposito di ghiaccio d'acqua

Utopia Planitia - deposito sotterraneo di ghiaccio d'acqua
Crediti: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Rome/ASI/PSI

Nel nuovo documento pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, gli scienziati hanno esaminato la regione con il Shallow Radar (SHARAD), il georadar italiano a bordo della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).
L'analisi dei dati registrati durante gli oltre 600 passaggi ha rivelato la presenza di uno strato ghiacciato, composto per un 50-85 per cento di ghiaccio d'acqua mescolato a polveri ed a particelle più grandi di roccia, di circa 375.000 chilometri quadrati, spesso tra gli 80 ed i 170 metri. Eppure, per quanto enorme possa sembrare, rappresenta meno dell'1 per cento di tutti i depositi di ghiaccio d'acqua noti su Marte!

Lo SHARAD lavora nella gamma dei 15-25 MHz e la risoluzione verticale dipende dai materiali che attraversa ma può teoricamente arrivare fino ad 1 chilometro di profondità. Praticamente, invia onde radio verso la superficie di Marte: alcune rimbalzano, altre penetrano nel sottosuolo. Di queste in parte ritornano all'orbiter. Il loro comportamento viene utilizzato per caratterizzare i materiali.
Questo strumento può essere usato per definire la stratigrafia del sottosuolo o per trovare quella che viene chiamata "costante dielettrica" (o permittività elettrica) che quantifica la tendenza del materiale a contrastare l'intensità del campo elettrico presente al suo interno. Questo è ciò che è stato studiato per Utopia Planitia.

MRO SHARAD

Funzionamento del radar SHARA. La costante dielettrica del ghiaccio d'acqua è 3,15 mentre il valore medio in Utopia Planitia è di 2,8, lasciando ipotizzare la presenza di un mix di ghiaccio d'acqua e polveri.
Crediti: Cassie Stuurman

"Questo deposito, probabilmente, si è accumulato mescolandosi con la polvere quando l'asse del pianeta era più inclinato rispetto ad oggi", ha spiegato Cassie Stuurman, dell'Istituto di Geofisica dell'università del Texas, autrice principale della ricerca che ha anche pubblicato un dettagliato resoconto sul suo blog.
L'asse di Marte oggi ha un'inclinazione di 25 gradi, tale che gli accumuli ghiacciati maggiori si concentrano ai poli ma nell'arco di circa 120.000 anni l'inclinazione è variata più del doppio, favorendo un riscaldamento dei poli e la formazione del ghiaccio alle medie latitudini, dove è in parte rimasto sepolto.

SHARAD - Utopia Planitia

Questi due profili mostrano Utopia Planitia vista dalradar SHARAD.
Crediti: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Rome/ASI/PSI

Anche se la scoperta può essere considerata un'importante risorsa per le future missioni umane, il georadar, purtroppo, non ha mostrato nessuno strato allo stato liquido, condizione che sarebbe stata l'ideale per cercare la vita microbica oggi sul pianeta.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 20 Novembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.