Scritto: Venerdì, 15 Luglio 2016 15:35 Ultima modifica: Venerdì, 15 Luglio 2016 16:12

Fredde notti marziane con un velo di CO2


I dati rilevati dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) dimostrano che le temperature notturne su Marte scendono abbastanza da favorire la formazione di un sottilissimo strato di anidride carbonica ghiacciata su tutto il pianeta, comprese le zone equatoriali.

Rate this item
(0 votes)
Questa mappa mostra la presenza di anidride carbonica congelata su Marte, al sorgere del Sole, come percentuale di giorni su un anno marziano. Questa mappa mostra la presenza di anidride carbonica congelata su Marte, al sorgere del Sole, come percentuale di giorni su un anno marziano. Crediti: NASA/JPL-Caltech

Il fenomeno è simile a quello che avviene in inverno sulle calotte polari ma in questo caso è esteso a tutte le latitudini dove, però, il ghiaccio evapora alla mattina lasciando la zona zona ricoperta di polvere.

"La temperatura diventa così bassa che l'atmosfera congela sulla superficie", ha detto Sylvain Piqueux del Jet Propulsion Laboratory della NASA, autore dello studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research: Planets.
"Una volta raggiunta, la temperatura non scende ulteriormente ma si accumula il ghiaccio. Quindi anche ai poli non fa più freddo di quanto non ne faccia durante la notte alle altre latitudini".

Secondo la ricerca, basata sui dati rilevati dal Mars Climate Sounder a bordo di MRO, in almeno tre regioni di Marte alle medie e basse latitudini, Tharsis, Arabia e Elysium, le temperature notturne scenderebbero al punto giusto da ottenere un velo di ghiaccio di anidride carbonica che ricopre la superficie per tutto l'anno o quasi.
"Queste stesse regioni che sono più fredde di notte sono anche più calde durante il giorno. Ha a che fare con la natura del materiale che le ricopre che è così soffice", ha spiegato Piqueux. "Pensate a quando siete in spiaggia in un pomeriggio d'estate e camminando sulla sabbia fine che quasi brucia i piedi: in superficie è molto calda ma subito sotto lo è molto di meno e se invece toccate un sasso brucia molto meno [della sabbia]. Di notte è il contrario: la superficie della sabbia si raffredda molto rapidamente ma il sasso mantiene il calore".

"Un ciclo di anidride carbonica che gela ogni notte può essere collegato ad altri processi attivi su Marte", ha aggiunto Rich Zurek, scienziato al JPL. "Questi movimenti sul terreno potrebbero influenzare le proprietà fisiche superficiali e potrebbero avere implicazioni nei processi erosivi e nello scambio di vapore acqueo tra l'atmosfera e la superficie". Inoltre, questo processo potrebbe riaprire anche una serie di considerazioni selle RSL (Recurring Slope Lineae), finora considerate la migliore prova che un po' di acqua liquida ancora scorre su Marte.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1466 times Ultima modifica Venerdì, 15 Luglio 2016 16:12
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 1 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 1 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS