Scritto: Venerdì, 08 Luglio 2016 08:05 Ultima modifica: Venerdì, 08 Luglio 2016 11:09

Marte: nuovo puzzle sulle Recurring Slope Lineae (RSL)


Un nuovo studio appena pubblicato esamina migliaia di caratteristiche stagionali nella zona equatoriale di Marte simili a flussi d'acqua transitori, chiamate Recurring Slope Lineae (RSL).

Rate this item
(0 votes)
I punti blu indicano alcuni siti in cui si formano le RSL nel canyon della Valles Marineris. I punti blu indicano alcuni siti in cui si formano le RSL nel canyon della Valles Marineris. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Le RSLRecurring Slope Lineae ("linee di pendio ricorrenti") sono delle striature stagionali che appaiono occasionalmente su alcuni pendii marziani. Da quando sono state scoperte nel 2011, sono ritenute la migliora prova che qualcosa ancora scorre sul Pianeta Rosso. Ne abbiamo parlato approfonditamente alcuni giorni fa perché il rover della NASA Curiosity proverà a studiare questo fenomeno da vicino nel cratere Gale ma finora ogni prova è arrivata con le immagini orbitali ad alta risoluzione della fotocamera Experiment High Resolution Imaging Science (HiRISE) a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).

Appaiono come striature scure, generalmente sui pendii ma anche su picchi isolati, piccoli tumoli e frane. Si formano nella stagione calda per poi svanire con l'arrivo del freddo e ripetere il ciclo l'anno successivo.
La nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Geophysical Research, ha analizzato 41 siti nella zona centrale ed orientale del più grande sistema di canyon di Marte, la Valles Marineris, dove sembrano essere molto diffuse. In ogni sito, i flussi individuati variano da pochi esempi a più di mille.
"Ce ne sono così tante che è difficile tenere traccia", ha detto nel report Matthew Chojnacki, autore principale del documento.
"La loro presenza nel canyon è molto diffusa. Per quanto ne sappiamo questa è la popolazione di RSL più densa sul pianeta. Quindi, se sono effettivamente associate alla moderna attività dell'acqua, il sistema di canyon è ancora più interessante al di là della sua spettacolare geologia".

Lo scorso anno, le immagini scattate da MRO abbinate con i dati rilevati dal Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) sempre a bordo della sonda, avevano permesso di confermare la presenza di sali idratati in alcuni luoghi solcati dalle RSL, comprese le pareti del canyon Valles Marineris. Ora, il gruppo di ricerca, ipotizzando che l'acqua sia effettivamente coinvolta nella loro formazione infiltrandosi dal sottosuolo, ha cercato di stimare quanta ne sarebbe necessaria per creare le striature scure che vediamo.

All'interno dei crateri, le RSL sarebbero alimentate da falde sotterranee perforate dall'impatto che creò il cratere stesso, le cui acque occasionalmente risalirebbero in superficie ancora oggi. Per quanto riguarda le creste o i picchi, invece, tale meccanismo è improbabile. In tal caso, sarebbero, invece, i sali presenti nel terreno ad inglobare il vapore acqueo dell'atmosfera, creando una specie di salamoia, un fenomeno studiato anche sulla Terra nella McMurdo Dry Valley in Antartide, uno dei deserti terrestri più freddi, dove in primavera le sabbie si ricoprono di macchie di umidità nonostante i ghiacci sciolti scarseggino e le piogge siano assenti. Questa teoria sembrerebbe avvalorata in alcuni siti dalla presenza di striature persistenti luminose accanto a quelle scure tipiche delle RSL, costituite forse da sali lasciati sul terreno dopo l'evaporazione della salamoia. Ma secondo gli autori "la quantità di acqua allo stato liquido necessaria ogni anno per formare le striature studiate nella Valles Marineris ammonterebbe a circa 10 a 40 piscine olimpioniche (circa 30.000 a 100.000 metri cubi)" ed anche se la quantità di vapore acqueo presente in atmosfera sopra al canyon è superiore, tale processo sarebbe improbabile perché poco efficiente.
"Potrebbero esserci più modi in cui l'atmosfera e la superficie interagiscono nel canyon come ad esempio le nuvole e foschie a bassa quota ma il meccanismo è tutt'altro che chiaro", ha aggiunto Chojnacki.

Di sicuro le RSL assomigliano molto ad un terreno bagnato per infiltrazioni d'acqua qui sulla Terra ma Marte è un caso a sé e anche ciò che sembra familiare può in realtà avere un'origine molto diversa. Sul Pianeta Rosso, lo stesso effetto può essere prodotto da processi privi di acqua, completamente asciutti, oppure da meccanismi ibridi che contengono meno acqua di quanto si possa pensare.

Come evidenzia lo studio, le RSL possono essere anche associate a crolli e frane che sembrano stagionali e verificarsi in tandem con le striature.
Così, mentre la ricerca va avanti insieme a test di laboratorio e simulazioni, secondo gli autori "complessivamente i risultati supportano l'idea che una grande quantità di acqua si trova in prossimità della superficie ancora oggi su Marte e che un meccanismo diffuso, forse legato al clima, sta creando le RSL". Questa conferma non solo avrebbe grandi implicazioni per la vita sul Pianeta Rosso ma anche per i futuri esploratori umani che avrebbero a disposizione un'importante risorsa come l'acqua proprio qualche centimetri sotto la superficie.

Geologic context of recurring slope lineae in Melas and Coprates Chasmata, Mars [abstract]

One of the major Mars discoveries of recent years is the existence of recurring slope lineae (RSL), which suggests that liquid water occurs on or near the surface of Mars today. These dark and narrow features emerge from steep, rocky exposures and incrementally grow, fade, and reform on a seasonal basis and are detected in images from the High Resolution Imaging Science Experiment camera. RSL are known to occur at scattered midlatitude and equatorial sites with little spatial connection to one another. One major exception is the steep, low-albedo slopes of Melas and Coprates Chasmata, in Valles Marineris where RSL are detected among diverse geologic surfaces (e.g., bedrock and talus) and landforms (e.g., inselbergs and landslides). New images show topographic changes including sediment deposition on active RSL slopes. Midwall locations in Coprates and Melas appear to have more areally extensively abundant RSL and related fans as compared with other RSL sites found on Mars. Water budget estimates for regional RSL are on the order of 105 to 106 m3 of fluid, for depths of 10 to 100 mm, and suggest that a significant amount of near-surface water might be present. Many RSL are concentrated near local topographic highs, such as ridge crests or peaks, which is challenging to explain via groundwater or ice without a recharge mechanism. Collectively, results provide additional support for the notion that significant amounts of near-surface water can be found on Mars today and suggest that a widespread mechanism, possibly related to the atmosphere, is recharging RSL sources.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1184 times Ultima modifica Venerdì, 08 Luglio 2016 11:09
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 17 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 16/2/20 - Sol 434] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS