Scritto: Mercoledì, 24 Settembre 2014 06:22 Ultima modifica: Domenica, 18 Gennaio 2015 17:04

MOM ce l'ha fatta! L'India raggiunge Marte al primo tentativo


Poche ore fa è stata scritta una nuova pagina di storia per l'esplorazione spaziale: l'India è diventato il quarto paese, dopo Stati Uniti, Europa e Russia, ad aver raggiunto Marte e ci è riuscita al primo tentativo.

Il primo ministro indiano Narendra Modi, parlando dal centro di controllo della missione nella città meridionale di Bangalore, ha detto: "Le probabilità erano tutte contro di noi. Di 51 missioni tentate nel mondo, solo 21 sono riuscite. Noi abbiamo prevalso".

Rate this item
(0 votes)
MOM ce l'ha fatta! L'India raggiunge Marte al primo tentativo Credit: ISRO

Ora, Mangalyaan si unirà agli orbiter già a lavoro su Marte, Mars Odyssey, Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) e Mars Atmosphere and Volatile Evolution (MAVEN), arrivato due giorni fa, della NASA e Mars Express dell'ESA, per studiare il Pianeta Rosso.

Dopo il test di due giorni fa in cui il 440 Newton Liquid Apogee Motor (LAM) era stato riacceso con successo per 3,968 secondi dopo esser rimasto fermo dal 1 dicembre 2013, il motore di MOM ha bruciato questa notte per 24 minuti, facendo rallentare la sonda fin quando non è stata catturata dalla gravità del pianeta.
Il momento è stato vissuto con apprensione perché in quel momento MOM era dietro a Marte e il team ha dovuto attendere che le comunicazioni tornassero online.

Sorriso e volti distesi non appena è stata ricevuta conferma dal Deep Space Network della NASA a Camberra e grandi applausi al controllo missione: MOM aveva rallentato con successo di 1099 m/s rispetto ai 1098.7 m/s programmati, come è stato riportato in un post ufficiale su Facebook.

MOM entra in orbita

MOM entra in orbita

MOM entra in orbita

Modi si è congratulato con gli scienziati, dicendo: "Oggi tutta l'India dovrebbe celebrare i nostri scienziati. Le scuole e le Università dovrebbero applaudire questo successo".
Ma i complimenti sono giunti da tutto il mondo:

Nel mese di giugno il primo ministro indiano si era vantato dei costi contenuti di questa missione, appena 74 milioni di dollari contro i 671 milioni dollari di MAVEN, ad esempio, e del fatto che l'India avesse speso meno di quanto non avesse fatto Hollywood per mettere in produzione il film "Gravity".

In effetti, MOM è una missione a basso costo e anche con un carico utile molto contenuto, solo 15 chilogrammi, tutto made in India:

- Mars Color Camera, per scattare fotografie di Marte e delle sue lune
- Lyman Alpha Photometer, per misurare l'abbondanza di idrogeno e deuterio e studiare il processo di perdita di acqua dai pianeti
- Thermal Imaging Spectrometer, per mappare la composizione superficiale e mineralogia
- spettrometro di massa MENCA, per analizzare la composizione atmosferica
- sensore metano, per misurare il livello del metano atmosferico

Un giornalista indiano, @dpsatishcnnibn, tramite Twitter, ha anticipato che probabilmente già stasera (ora Indiana) arriverà la prima immagine di Marte... non vediamo l'ora!

L'obiettivo principale della missione di dimostrare le capacità tecnologiche dell'India per arrivare su Marte è già stato raggiunto. Ora, mentre MOM offrirà il suo contributo per svelare i misteri dell'atmosfera del Pianeta Rosso, il prossimo passo per questo paese sarà completare un atterraggio sulla Luna, prima di tentare eventualmente missioni con equipaggio.

Read 3618 times Ultima modifica Domenica, 18 Gennaio 2015 17:04
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista