Scritto: Giovedì, 16 Ottobre 2014 06:43 Ultima modifica: Domenica, 18 Gennaio 2015 17:34

Da MAVEN i primi dati sull'atmosfera superiore di Marte


La sonda Mars Atmosphere and Volatile Evolution (MAVEN), lanciata a novembre 2013 ed entrata nell'orbita di Marte il 22 settembre scorso alle 2:24 UTC, ha già iniziato a fornire i primi dati osservando come le particelle energetiche solari interagiscono con l'atmosfera superiore del pianeta.

MAVEN, che ora è nella cosiddetta fase di "commissioning", ha iniziato a fare scienza per calibrare la strumentazione e le osservazioni hanno permesso agli scienziati di mappare per la prima volta su Marte l'idrogeno, l'ossigeno, il carbonio e l'ozono.

Rate this item
(0 votes)
Da MAVEN i primi dati sull'atmosfera superiore di Marte Credit: University of Colorado/NASA

"Tutti gli strumenti mostrano una qualità dei dati migliore del previsto in questa fase iniziale della missione", ha detto Bruce Jakosky, principale scienziato per MAVEN, presso l'Università del Colorado a Boulder. "Tutti sono stati accesi, anche se non ancora verificati, e funzionano nominalmente", ha aggiunto.

MAVEN ha avuto un colpo di fortuna quando, lo scorso 26 settembre, un flare solare ha prodotto un'espulsione di massa coronale (CME) i cui effetti avrebbero raggiunto il Pianeta Rosso tre giorni più tardi, il 29 settembre.

Le particelle energetiche solari SEP (Solar Energetic Particles) sono flussi di particelle ad alta energia scagliate dalla nostra stella durante l'attività solare.
Sulla Terra, ad esempio, queste tempeste possono danneggiare i componenti elettronici dei satelliti ma su Marte sono ritenute possibile parte in causa nei meccanismi che hanno portato alla perdita di atmosfera nella storia del pianeta.

"Dopo aver viaggiato attraverso lo spazio interplanetario, queste particelle energetiche per lo più protoni, depositano la loro energia nell'atmosfera superiore di Marte", ha spiegato Davin Larson del Laboratorio di Scienze Spaziali presso l'Università della California a Berkeley.
"Un evento simile a quello di settembre si verifica in genere ogni due settimane e una volta che tutti gli strumenti saranno operativi, saremo in grado di monitorare la risposta atmosferica".

Su Marte, idrogeno ed ossigeno sono ai margini estremi della tenue atmosfera superiore, dove il bordo incontra lo spazio. In questa regione gli atomi, che una volta facevano parte di molecole di anidride carbonica e di acqua, possono sfuggire nel vuoto. Ma queste molecole controllano anche il clima, così il loro studio è il punto chiave per comprendere la storia planetaria degli ultimi 4 miliardi di anni e capire come Marte si sia trasformato da un luogo caldo e umido in quello freddo e arido che conosciamo oggi.

MAVEN ha osservato i bordi dell'atmosfera del pianeta in ultravioletto, tramite Imaging Spectrograph ultravioletta (IUVS), sensibile alla luce solare riflessa dagli atomi.

"Con queste osservazioni, IUVS ha ottenuto il quadro più completo mai avuto dell'alta atmosfera marziana", ha detto Mike Chaffin della Università del Colorado, membro del team. "Misurando l'atmosfera superiore estesa del pianeta, MAVEN sonda direttamente come questi atomi sfuggono nello spazio. Le osservazioni dimostrano che l'atmosfera superiore di Marte, rispetto a quella di Venere e della Terra, è solo debolmente vincolato alla bassa forza di gravità del Pianeta Rosso".

"Con queste mappe abbiamo un tipo di copertura completa e simultanea per Marte che finora è stato possibile solo per la Terra", ha Justin Deighan, altro membro del team. "Sulla Terra, la distruzione dell'ozono da parte dei clorofluorocarburi (CFC) è la causa del buco dell'ozono polare. Su Marte, l'ozono è altrettanto facilmente distrutto dai sottoprodotti della ripartizione del vapore acqueo per iterazione con la luce solare ultravioletta. Il monitoraggio dell'ozono ci permetterà di tracciare i processi fotochimici che si svolgono nell'atmosfera marziana".

La fase di calibrazione durerà circa due settimane prima di entrare nel vivo della missione scientifica: in questo periodo verranno testate anche le comunicazioni con la Terra e la superficie di Marte tra MAVEN e il rover Curiosity.

Read 2552 times Ultima modifica Domenica, 18 Gennaio 2015 17:34
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS