Domenica 17 Dicembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

MAVEN: ecco come Marte ha perso la sua atmosfera

MAVEN: ecco come Marte ha perso la sua atmosfera
Crediti: NASA’s Goddard Space Flight Center

Nel 2015, il team della missione NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile Evolution) ha mostrato che gran parte dell'atmosfera di Marte è andata persa nello spazio; ora, un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Science, descrive come.

"Abbiamo dimostrato che la maggior parte del gas che era presente nell'atmosfera di Marte si è persa nello spazio", ha dichiarato nel comunicato Bruce Jakosky, ricercatore principale della missione.

I dati hanno rivelato che il Pianeta Rosso ha perso il 65% di argon atmosferico originariamente presente.

Oggi, l'acqua liquida non è stabile sulla superficie di Marte ma molte sono le prove che testimoniano la presenza passata di grandi bacini e fiumi: alcuni minerali rinvenuti dai rover ed osservati dall'orbita possono formarsi solo in presenza del fluire dell'acqua liquida per lunghi periodi. Comprendere cosa sia successo all'atmosfera del pianeta è perciò fondamentale per conoscere la sua evoluzione climatica: quali fattori lo hanno trasformato da un ambiente potenzialmente abitabile al posto freddo e desertico che conosciamo?

Ci sono molti modi in cui un pianeta può perdere la sua atmosfera: ad esempio, alcune reazioni chimiche possono bloccare il gas nelle rocce o gli strati superiori possono essere erosi dal vento solare della stella madre del sistema planetario. Ed è questo quello che deve essere successo a Marte, dove il vento solare e le radiazioni del giovane Sole hanno innescato potenti processi di erosione.
"E' probabile che la vita microbica fosse esistita sulla superficie di Marte", si legge nel report, "ma quando il pianeta si è raffreddato e prosciugato, questa si sarebbe spinta sotto terra o confinata in rare oasi superficiali".

Jakosky e la sua squadra hanno ottenuto il nuovo risultato misurando la presenza nell'atmosfera di due diversi isotopi di argon, un "gas nobile" che non può reagire chimicamente o rimanere intrappolato nelle rocce ma può essere rimosso solo tramite un processo fisico innescato dal vento solare, chiamato "sputtering".

Considerando i due isotopi, il più leggero tende a sfuggire facilmente nello spazio lasciando l'atmosfera arricchita dell'isotopo più pesante.
La squadra perciò ha misurato l'abbondanza relativa dei due isotopi nell'atmosfera superiore e sulla superficie del pianeta per calcolare la frazione di argon andata persa. Tale informazione è stata poi utilizzata per stimare la fuga di altri atomi e molecole, tra cui il biossido di carbonio (CO2), che è il maggior costituente dell'atmosfera marziana. L'evoluzione di questo gas nella storia del pianeta è di grande interesse perché è in grado di generare un efficiente effetto serra che può trattenere il calore e riscaldare l'ambiente.
"Abbiamo stabilito che anche la maggior parte della CO2 è stata persa nello spazio per sputtering", ha detto Jakosky.

Il team ha prodotto la stima utilizzando i dati dell'alta atmosfera marziana raccolti dal Neutral Gas and Ion Mass Spectrometer (NGIMS) di MAVEN e le misurazioni dalla superficie del Sample Analysis at Mars (SAM) a bordo del rover Curiosity.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.