Sabato 16 Dicembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

ExoMars: TGO invia le prime immagini dall'orbita di Marte

Cratere senza nome, a nord del cratere Da Vinci, ripreso dalla fotocamera CaSSIS a bordo di TGO, il 22 novembre 2016. La risoluzione è 7,2 metri per pixel.
Cratere senza nome, a nord del cratere Da Vinci, ripreso dalla fotocamera CaSSIS a bordo di TGO, il 22 novembre 2016. La risoluzione è 7,2 metri per pixel. Copyright ESA/Roscosmos/ExoMars/CaSSIS/UniBE

Il Trace Gas Orbiter (TGO), della missione congiunta ESA/Roscosmos ExoMars, ha acceso per la prima volta i suoi strumenti scientifici tra il 20 ed il 28 novembre, trasmettendo a Terra le prime foto dall'orbita marziana.

Volando tra i 230-310 ed i 98.000 chilometri, la sonda ha catturato undici immagini con la fotocamera Colour and Stereo Surface Imaging System (CaSSIS) nel corso del passaggio ravvicinato del 22 novembre.

Durante il massimo avvicinamento TGO si trovava 235 chilometri sopra a Hebes Chasma, appena più a nord del sistema di canyon Valles Marineris, riprendendo quelle che saranno tra le immagini più ravvicinate dell'intera missione (l'orbita operativa della sonda sarà a circa 400 chilometri di altitudine).

CaSSIS: ripresa stereoSulla regione Noctis Labyrinthus, invece, il team ha eseguito il primo test di ricostruzione 3D, partendo da una coppia di immagini stereo. CaSSIS, infatti, può fotografare una zona in avanti ed indietro per ottenere due diversi punti di vista. Al primo tentativo, le foto raccolte sono apparse estremamente nitide ma questi dati verranno comunque utilizzati per migliorare la calibrazione.

Prima ricostruzione 3D di una piccola area di Noctis Labyrinthus

Prima ricostruzione 3D di una piccola area di Noctis Labyrinthus
Copyright ESA/Roscosmos/ExoMars/CaSSIS/UniBE

Ma l'obiettivo principale di TGO è redigere un inventario dettagliato dei gas che compongono l'atmosfera del pianeta con particolare attenzione al metano, che sulla Terra è prodotto principalmente dall'attività biologica.
Durante i test, i due strumenti dedicati, l'Atmospheric Chemistry Suite (ACS) ed il Nadir and Occultation for Mars Discovery (NOMAD), hanno subito dimostrato una buona sensibilità. Il primo si è concentrato sull'anidride carbonica che è il costituente atmosferico principale, il secondo sugli elementi contenenti acqua.

TGO: primo sguardo all'atmosfera di Marte

NOMAD ha ripreso questi spettri dell'atmosfera di Marte il 22 novembre 2016, utilizzando due tecniche: osservando la luce solare riflessa dalla superficie del pianeta e guardando la luce solare diffusa dall'atmosfera all'orizzonte. In alto, il diagramma del vapore acqueo atmosferico, in basso, uno spettro alle lunghezze d'onda ultraviolette-visibile.
Copyright ESA/Roscosmos/ExoMars/NOMAD/BISA/IAA/INAF/OU

Il Fine Resolution Epithermal Neutron Detector (FREND), un rilevatore di neutroni che permetterà di mappare la presenza di idrogeno sulla superficie e individuare potenziali depositi di acqua o idrati fino a un metro di profondità, era già stato attivato diverse volte durane la fase di crociera ma ora ha iniziato a mostrare un chiaro aumento di neutroni anche se ci vorranno diversi mesi per produrre risultati statisticamente significativi.

Exomars TGO prima orbita

Il grafico mostra quando i diversi strumenti sono stati attivati durante la prima orbita del 20 - 24 novembre.

"Siamo estremamente felici ed orgogliosi che tutti gli strumenti stiano funzionando bene nell'ambiente di Marte e questo primo passo è una fantastica anteprima di quello che avverrà quando inizieremo la raccolta dei dati il prossimo anno", ha detto nel report Håkan Svedhem, Project Scientist della missione.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.