Scritto: Lunedì, 28 Settembre 2015 05:13 Ultima modifica: Venerdì, 23 Ottobre 2015 13:46

Slitta la partenza di ExoMars 2016


Un problema recentemente scoperto in due sensori del sistema di propulsione per l'ingresso in atmosfera, la discesa e l'atterraggio, ha fatto slittare la data di lancio della missione ExoMars da gennaio a marzo 2016, come annunciato recentemente in un comunicato.

Rate this item
(0 votes)
Slitta la partenza di ExoMars 2016 Copyright ESA/ATG medialab

ExoMars fa parte del Programma Aurora ed è uno sforzo congiunto dell'agenzia spaziale europea (ESA) e russa (Roscosmos).
In accordo, le due agenzie hanno ora formalmente fissato la partenza al 14 marzo 2016.

La missione si sviluppa in due fasi.
La prima inizierà appunto il prossimo anno con l'invio di una sonda, il Trace Gas Orbiter (TGO) che resterà nell'orbita di Marte per studiare la presenza di metano ed altri gas nell'atmosfera del pianeta, e di un modulo dimostrativo, Schiaparelli (così chiamato in onore dell'astronomo italiano Giovanni Schiaparelli).
La seconda parte della missione inizierà a maggio 2018 con il lancio della Rover and Surface Platfor che toccherà il suolo marziano a gennaio 2019, quando un lander russo rilascerà sulla superficie un rover europeo.

Schiapparelli design - Copyright: Thales Alenia Space-Italy Il modulo Schiaparelli, da 600 chilogrammi, sarà una dimostrazione chiave delle capacità europee di eseguire un atterraggio controllato su Marte.
Si separerà dall'orbiter tre giorni prima di raggiungere il Pianeta Rosso, entrando in atmosfera a 21.000 chilometri orari. Dopo un po' di "aerobraking" (letteralmente "frenamento ad aria", una manovra che frena la navicella per attrito con gli strati più alti dell'atmosfera di un pianeta) e l'apertura di un paracadute, un sistema di propulsori frenerà la corsa del modulo a meno di 5 chilometri orari, ad un'altezza di circa 2 metri sopra la superficie. A quel punto, i propulsori si spegneranno e il modulo toccherà il suolo marziano dove una "struttura deformabile" attenuerà il colpo.
Il tutto, dall'ingresso in atmosfera all'atterraggio, durerà appena 8 minuti.

Mentre per la seconda fase della missione erano stati proposti quattro siti candidati (Mawrth Vallis, Oxia Planum, Hypanis Vallis e Aram Dorsum), Schiapparelli atterrerà in Meridiani Planum, una zona di Marte oramai ben nota grazie al rover Opportunity.

Il modulo collezionerà dati atmosferici durante la discesa ed analizzerà il sito di atterraggio ma, trattandosi fondamentalmente di un progetto dimostrativo in vista delle future missioni, la sua capacità scientifica sarà limitata. Lavorerà solo per un breve periodo alimentato dalle sue batterie, dopodiché rimarra un bersaglio inerte per successivi esperimenti laser, un po' come i pannelli catarifrangenti lasciati sulla Luna dalle missioni Apollo.

La nuova data di lancio è la cosiddetta opzione di back-up, che va dal 14 al 25 marzo, ossia l'ultima chance che consentirà di raggiungere Marte entro il mese di ottobre.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2419 times Ultima modifica Venerdì, 23 Ottobre 2015 13:46
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre (ore 20.30)

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 4 Dicembre) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 1/12 [Last update: Dec,01]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 30/11/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 1/12 [Last update: Dic,01].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 5/12 - Sol 363]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 13/8/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 28 Novembre [updated on Nov,28]

HOT NEWS