Scritto: Mercoledì, 09 Luglio 2014 05:28 Ultima modifica: Mercoledì, 09 Luglio 2014 06:07

L'acqua modellò gli altipiani meridionali di Marte


Una nuova mappa incredibilmente dettagliata mostra come gli altopiani meridionali di Marte furono modellati dall'acqua.

Lo studio riguarda un'area che va da 27,5 a 42,5 gradi di latitudine sud e da 110 a 115 gradi di longitudine est ed è stato realizzato da David Crown, del Scienze Planetarie Institute (PSI) di Tucson, in Arizona, e dal suo collega del PSI Scott Mest e pubblicato dall'United States Geological Survey (USGS).

Rate this item
(0 votes)

Marte mappa bacino Hellas

Credit: Scott Mest and David Crown/USGS

Una nuova mappa incredibilmente dettagliata mostra come gli altopiani meridionali di Marte furono modellati dall'acqua.

Marte area della mappa bacino Hellas - Credit: Scott Mest and David Crown/USGSLo studio riguarda un'area che va da 27,5 a 42,5 gradi di latitudine sud e da 110 a 115 gradi di longitudine est (indicata nell'immagine qui a fianco).
Condotto da David Crown, del Scienze Planetarie Institute (PSI) di Tucson, in Arizona, e dal suo collega del PSI Scott Mest, è stato pubblicato dall'United States Geological Survey (USGS).

"Questa mappa descrive la complicata sequenza di processi geologici che hanno finito per modificare gli antichi e aspri terreni degli altipiani che circondano il bacino da impatto Hellas e mostra le prove degli effetti persistenti di acqua e ghiaccio che hanno degradato la superficie di Marte", ha dichiarato David Crown.

Mette in luce l'evoluzione dei due sistemi di canyon degli altopiani meridionali, Waikato Vallis e Reull Vallis. I ricercatori ritengono che, entrambi, si siano formati quando l'acqua sotterranea è arrivata in superficie dopo un crollo del pavimento.

Le immagini scattate dagli orbiter Viking negli anni '70 suggerivano che Waikato Vallis e Reull Vallis facevano parte dello stesso antico sistema di canyon. Ma i dati del Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), Mars Odyssey e Mars Global Surveyor hanno rivelato che Waikato e Reull dovevano essere strutture separate, già in origine, da una pianura conosciuta come Eridania Planitia.

Mentre Waikato e Reull sono le due formazioni dominanti nella zona, la nuova mappa mostra anche molti piccoli canali che l'acqua deve aver scavato negli altopiani meridionali, probabilmente nello stesso periodo in cui si stavano formando i due grandi canoyn.

"La maggior parte delle creste degli altipiani e le pareti di molti crateri da impatto, mostrano segni evidenti che sedimenti ricchi di ghiaccio scorrevano a valle, formando caratteristiche che ricordano le rocce glaciali della Terra; queste rappresentano l'attività più recente correlata all'acqua nella zona e possono essere attive oggi", hanno scritto gli scienziati del PSI in una descrizione che accompagna la mappa.

Read 2472 times Ultima modifica Mercoledì, 09 Luglio 2014 06:07
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS