L'equipaggio della missione 1 del Crew Health and Performance Exploration Analog (CHAPEA) della NASA ha iniziato la sua missione il 25 giugno presso il Johnson Space Center della NASA a Houston e ha avuto adesso due mesi per acclimatarsi alla vita dell'habitat e alle operazioni di missione, nonché alla sicurezza, alla comunicazione e alle dinamiche di squadra.

In questa prima missione, delle tre in agenda, è stato concordato che, oltre alle solite missioni, l'equipaggio si dovrà occupare di esperimenti di crescita dei raccolti e di test alimentari.

chapea piante

La serra di CHAPEA. Crediti: NASA

Per le future missioni esplorative di lunga durata, infatti, il sistema alimentare pianificato dovrà includere una combinazione di alimenti preconfezionati e la possibilità di coltivare alcuni raccolti durante la missione per ottenere cibo fresco. Iniziare quindi su un analogo a vedere come coltivare determinate piante, anche di alto fusto, diventa una cosa molto importante.

 "La nutrizione sarà una pietra miliare nel successo delle missioni di esplorazione spaziale in cui il sistema alimentare è limitato", ha affermato Scott Smith, co-investigatore CHAPEA della NASA per la biochimica nutrizionale.“I fattori chiave per una missione di successo includono il mantenimento dell’assunzione alimentare e della massa corporea, il monitoraggio e la gestione delle scorte di cibo e il mantenimento di interazioni positive con l’equipaggio.Questi e altri fattori sono stati messi in campo durante CHAPEA e forniranno conoscenze per consentire il successo dell’esplorazione spaziale futura”.

 Durante le future missioni su Marte, le provviste di cibo verranno probabilmente inviate davanti all'equipaggio, limitando la possibilità di cambiamenti o rifornimenti.

Non ci sarà alcun modo per inviare frutta e verdura fresca o menu su misura per i singoli astronauti, cose che attualmente vengono consegnati con veicoli di rifornimento alla ISS.

 La missione CHAPEA da ora in avanti valuterà questo sistema alimentare che è più limitato e realistico per una missione che avverrà su Marte, per misurare la sua capacità di supportare la salute e le prestazioni dell’equipaggio durante una missione di lunga durata.

chapea calorie

Chapea calorie necessarie per la sopravvivenza. Crediti: NASA

"Sappiamo che la scelta del cibo diventa più importante per l'equipaggio con l'aumentare della durata della missione, ed è importante capire come queste restrizioni si riferiscono o all'apporto nutrizionale o alla salute o alle prestazioni, questo prima di implementarle nelle missioni che richiedono mesi per il ritorno dell'equipaggio sulla Terra," Ha detto Grace Douglas, ricercatrice principale del CHAPEA della NASA.

Durante i vari mesi della missione, l'equipaggio sarà in grado di coltivare alcuni raccolti.

Il sistema di crescita delle colture all’interno dell’habitat CHAPEA è simile ai sistemi utilizzati per il giardinaggio domestico indoor e fornirà acqua, sostanze nutritive e illuminazione in grado di supportare la crescita di colture a foglia, erbe e piccoli frutti.

"La produzione di insalate può integrare i pasti confezionati, ridurre l'affaticamento del menu e fornire uno sbocco creativo all'equipaggio per aggiungere una varietà di prodotti freschi alla loro dieta", ha affermato Gioia Massa, responsabile del team di produzione agricola per CHAPEA presso l'agenzia.“La coltivazione delle piante può anche fornire benefici psicologici agli astronauti che vivono in ambienti isolati e confinati, lontani dalla Terra, e speriamo di acquisire dati su entrambi questi aspetti”.

 Tutto questo per le missioni a lunga durata come quella che porterà l'uomo su Marte.

Mars Habitat Forster Partners 

Disegno di colonia umana su Marte. Fonte: Google internet reearch