Scritto: Giovedì, 25 Novembre 2021 07:00 Ultima modifica: Giovedì, 25 Novembre 2021 07:57

InSight ha mappato l'interno di Marte non solo con i terremoti ma anche con il vento In evidenza


I dati sismici raccolti dal lander della NASA InSight, che includono le vibrazioni causate dal vento, hanno permesso agli scienziati di scrutare sotto la superficie del Pianeta Rosso.

Rate this item
(2 votes)
Una rappresentazione artistica del lander  InSight a Homestead Hollow, un piccolo cratere da impatto. Il terreno sottostante è costituito da uno strato di regolite sabbioso sopra strati alternati di sedimenti (colori giallo-arancio) e rocce basaltiche, ovvero ex colate laviche (colori marroni). Una rappresentazione artistica del lander InSight a Homestead Hollow, un piccolo cratere da impatto. Il terreno sottostante è costituito da uno strato di regolite sabbioso sopra strati alternati di sedimenti (colori giallo-arancio) e rocce basaltiche, ovvero ex colate laviche (colori marroni). Crediti: Géraldine Zenhäusern / ETH Zürich

In Elysium Planitia, la seconda regione vulcanica più grande di Marte, è presente uno strato sedimentario inatteso poco profondo, inserito tra i flussi di lava. Questo è quanto suggerisce la prima mappa in assoluto del sottosuolo marziano creata ascoltando il vento che riverbera attraverso gli strati di terreno sotto i piedi del lander.

InSight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport) è atterrato su Marte nel 2018 per studiare i deboli "marsquakes", cioè i terremoti marziani.

I dati registrati dal Seismic Experiment for Interior Structure (SEIS) hanno già permesso agli scienziati di determinare approssimativamente le dimensioni e la composizione del nucleo di Marte, nonché della natura del suo mantello e lo spessore della crosta. Ora, una nuova tecnica sviluppata e messa a punto sulla Terra, ha permesso a un team di geofisici svizzeri, guidato dal Dr. Cédric Schmelzbach dello Swiss Federal Institute of Technology (ETH) di Zurigo, di sbirciare direttamente sotto la superficie del pianeta e scoprire cosa si nasconde entro i primi 200 metri di profondità.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications


La tecnica

"Abbiamo utilizzato una tecnica che è stata sviluppata qui sulla Terra per caratterizzare i luoghi a rischio sismico e per studiare la struttura del sottosuolo", ha spiegato Cedric Schmelzbach, geofisico presso l'ETH.
"La tecnica si basa sulla vibrazione ambientale", ha detto. "Sulla Terra ci sono gli oceani e i venti, che fanno tremare il terreno in continuazione e lo scuotimento che si può misurare contiene un'impronta del sottosuolo".
In sostanza, il trambusto in superficie fa vibrare il terreno. Queste minuscole vibrazioni si propagano in profondità e possono essere captate da strumenti sensibili in superficie.

Marte, ha detto Schmelzbach, è molto più silenzioso della Terra. Non c'è un oceano di acqua liquida sul pianeta e il vento è molto più debole perché l'atmosfera è molto più sottile. Inoltre, mentre sulla Terra i geologi potrebbero utilizzare innumerevoli stazioni di rilevamento, su Marte ne hanno solo una: il lander InSight. Eppure i risultati sono stati sorprendentemente dettagliati.

Ovviamente, la risoluzione dipende dalla profondità: "Vicino alla superficie possiamo risolvere strati spessi un metro ma a profondità maggiori arriviamo solo a poche decine di metri", ha detto Schmelzbach.


Gli strati di Elysium

Gli autori hanno esaminato il sottosuolo poco profondo, fino a circa 200 metri di profondità.

Proprio sotto la superficie, hanno scoperto uno strato di regolite, composta prevalentemente da materiale sabbioso, di circa 3 metri di spessore. Questo è posta sopra uno strato di ejecta spesso circa 15 metri. Si tratta probabilmente di blocchi grossolani di materile espulso a causa di un impatto, ricaduti poi sulla superficie marziana.

Al di sotto di questi strati superiori, i ricercaori hanno identificato circa 150 metri di rocce basaltiche, cioè colate laviche raffreddate e solidificate, in gran parte coerenti con la struttura prevista dai modelli. Tuttavia, tra questi flussi di lava, tra i 30 e i 70 metri di profondità, la mappa ha svelato uno strato aggiuntivo di 30-40 metri di spessore con bassa velocità sismica. Tale caratteristica suggerisce sia costituito da materiali sedimentari deboli rispetto agli strati di basalto più forti.

I ricercatori hanno confrontato i due strati di lava che abbracciano questo sedimento con precedenti studi sulla geologia dei crateri vicini. Questi dati hanno permesso loro di collocare le origini delle rocce basaltiche in due importanti periodi della storia geologica di Marte: circa 1,7 miliardi (Periodo Amazzoniano) e 3,6 miliardi di anni fa (Periodo Esperiano), rispettivamente. Ma l'origine dello strato sedimentario, stretto tra due strati solidificati di lava antica, è ancora un mistero.

"Stiamo ancora lavorando su come interpretarlo e su come datare l'età di questo strato", ha detto Schmelzbach. "Ma ci dice che probabilmente la storia geologica di quel sito è davvero più complicata di quanto pensassimo inizialmente e che probabilmente in passato erano avvenuti più processi in quel luogo".

In futuro, gli scienziati vorrebbero estendere ulteriormente questa tecnica per scrutare ancora più in profondità, entro i primi chilometri dalla crosta di Marte.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 76 volta/e Ultima modifica Giovedì, 25 Novembre 2021 07:57

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « InSight ha rilevato tre grandi terremoti su Marte

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2021.

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 novembre. Statisti...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 novembre 2021. ...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 23/11 - Sol 1032] - Meteo...

Sofia Vega for kids: ISCRIVITI

sofiavega for kids

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista