Scritto: Mercoledì, 23 Dicembre 2015 05:54 Ultima modifica: Mercoledì, 23 Dicembre 2015 06:31

Missione InSight: la NASA sospende il lancio in programma per il 2016


Dopo alcuni problemi al payload scientifico, la NASA ha deciso di sospendere il lancio della missione InSight (Interior Exploration Using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport) previsto a marzo 2016.
La notizia è stata appena diffusa in un comunicato.

Rate this item
(0 votes)
Missione InSight: la NASA sospende il lancio in programma per il 2016 Credit: NASA/JPL-Caltech

Il lander sarebbe dovuto atterrare su Marte per studiare l'interno del pianeta.

"Imparare a conoscere la struttura interna di Marte è stato un obiettivo prioritario per gli scienziati planetari fin dall'epoca vichinga", ha dichiarato John Grunsfeld, del Science Mission Directorate della NASA a Washington.
"Ci spingiamo al limite della tecnologia con le nostre missioni per fare scienza ma l'esplorazione dello spazio non perdona e la verità è che non siamo pronti a lanciare nella finestra del 2016. Un programma sul da farsi verrà fatto nei prossimi mesi ma una cosa è chiara: la NASA continuerà ad essere pienamente impegnata nella scoperta scientifica e l'esplorazione di Marte".

"L'indagine di InSight sull'interno del Pianeta Rosso è stata progettata per migliorare la nostra comprensione di come tutti i pianeti rocciosi, inclusa la Terra, si sono formati ed evoluti", ha detto Bruce Banerdt, ricercatore principale della missione presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA (JPL). "Marte conserva le prove sull'evoluzione iniziale dei pianeti rocciosi che sulla Terra sono ormai scomparse. Ottenere informazioni sul nucleo, il mantello e la crosta di Marte è una priorità assoluta per la scienza planetaria ed InSight è stato costruito per raggiungere questo obiettivo".

Il posticipo è dovuto al Seismic Experiment for Interior Structure (SEIS), un sismografo fornito dal CNES in collaborazione con DLR e le agenzie spaziali della Svizzera e del Regno Unito. Nasce per misurare le onde sismiche interne al pianeta generate da "marsquakes", ossia dei terremoti marziani, e dagli impatti meteorici. La sua estrema precisione, in grado di misurare movimenti del terreno piccoli come il diametro di un atomo, richiede un sottovuoto perfetto dei tre sensori principali per resistere alle difficili condizioni operative dell'ambiente marziano.
All'inizio di quest'anno una perdita, successivamente riparata, aveva impedito al sismografo di conservare tale condizione ma il problema si è ripresentato questa settimana, durante alcune prove di laboratorio a -45 gradi Celsius. Di conseguenza, i funzionari della NASA hanno valutato che ora non c'è più tempo per risolvere nuovamente l'anomalia, ripetere i test, garantire l'efficacia della soluzione e quindi la riuscita della missione.

"E' la prima volta che uno strumento così delicato è stato costruito. Eravamo molto vicino al successo ma si è verificata un'anomalia che richiede ulteriori indagini. I nostri team troveranno una soluzione per risolvere il problema ma non in tempo per un lancio nel 2016", ha dichiarato Marc Pircher, direttore del Toulouse Space Centre del CNES.

I due pianeti, Terra e Marte, si trovano allineati in posizione favorevole ai lanci solo per poche settimane ogni 26 mesi.
Per InSight, quella finestra di lancio sarebbe stata nel 2016, dal 4 marzo al 30 marzo.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2388 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 23 Dicembre 2015 06:31
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: Mars Lander InSight: via alla costruzione »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista