Scritto: Lunedì, 30 Dicembre 2019 06:51 Ultima modifica: Lunedì, 30 Dicembre 2019 07:48

Marte: acqua a portata di mano


I futuri astronauti che atterreranno su Marte, potranno trovare un po' d'acqua con un colpo di pala. Una recente mappa mostra, infatti, che in alcuni punti il ghiaccio d'acqua si trova sepolto sotto appena 2,5 centimetri di terreno ed importanti serbatoi entro i 30 centimetri di profondità.
Dati alla mano, il team di ricerca ha individuato una grande zona in Arcadia Planitia ideale per lo sbarco di futuri esploratori umani.

Rate this item
(0 votes)
Questa mappa mostra il ghiaccio d'acqua nel sottosuolo di Marte: i colori freddi indicano profondità minori (circa 30 centimetri), i colori caldi, profondità maggiori. La zone nere indicano aree piene di regolite e polveri sottili, in cui un veicolo spaziale affonderebbe. La zona incorniciata indica invece il luogo ideale per far atterrare una futura missione con astronauti. Alla mappa, sono stati sovrapposti i siti di atterraggio delle missioni robotiche passate, presenti e future. Questa mappa mostra il ghiaccio d'acqua nel sottosuolo di Marte: i colori freddi indicano profondità minori (circa 30 centimetri), i colori caldi, profondità maggiori. La zone nere indicano aree piene di regolite e polveri sottili, in cui un veicolo spaziale affonderebbe. La zona incorniciata indica invece il luogo ideale per far atterrare una futura missione con astronauti. Alla mappa, sono stati sovrapposti i siti di atterraggio delle missioni robotiche passate, presenti e future. Crediti: NASA/JPL-Caltech/ASU - Elisabetta Bonora

La ricerca di acqua sul Pianeta Rosso rappresenta una vera e propria caccia al tesoro per la NASA perché è una risorsa indispensabile per pianificare missioni con astronauti. Invece di trasportarla dalla Terra, trovare acqua in loco semplificherebbe notevolmente le operazioni, sia in termini economici che ingegneristici e consentirebbe facilmente di poter poter accedere ai sui elementi base, idrogeno ed ossigeno, per una serie di attività indispensabili.

Ogni missione con equipaggio su Marte deve tenere conto di due requisiti generali: interesse scientifico e praticità.
Come spiega la press release, “La maggior parte degli scienziati predilige le medie latitudini settentrionali e meridionali, dove c'è luce solare abbondante e temperature più calde rispetto ai poli. Ma c'è una forte preferenza per l'atterraggio nell'emisfero settentrionale che, generalmente, ha quote topografiche più basse e, quindi, offre più atmosfera per rallentare un veicolo spaziale in fase di atterraggio. Ed ora sappiamo che contiene anche abbondante ghiaccio d'acqua, il che rafforza l'idea di far sbarcare lì una missione con equipaggio".
Ma non solo. L'individuazione di acque sotterranee,ghiacciate e non, può costituire un ulteriore passo in avanti nell'individuazione di habitat adatti ad ospitare la vita. Tale aspetto unitamente al problema delle bizzarre fluttuazioni di metano ed all'altrettanto strano andamento delle molecole di ossigeno (di cui scriverò a breve), potrebbe aiutare gli scienziati a ricostruire il puzzle ancora incompreso sull'abitabilità di Marte passata e presente.

Ormai grazie a decenni di esplorazione, sappiamo per certo che l'acqua scorreva in passato sul pianeta, creando laghi e fiumi. Oggi però, è completamente sparita dalla vista se non, forse, per qualche fugace apparizione stagionale mai veramente ed unanimemente confermata. L'acqua ancora presente sul pianeta si trova congelata (forse non tutta! N.d.R.) sotto la superficie.

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, intitolato "Widespread Shallow Water Ice on Mars at High and Mid Latitudes", mostra una mappa aggiornata della risorsa basata sui dati rilevati dal Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) e da Mars Odyssey.
In particolare, gli scienziati si sono basati sui dati provenienti da tre strumenti: il Climate Sounder di MRO ed il Thermal Emission Imaging System (THEMIS) di Mars Odyssey, sensibili al calore ed il Gamma Ray Spectrometer (GRS) sempre di Mars Odyssey che può identificare l'acqua ed altri elementi nella regolite marziana.
L'autore principale, Sylvain Piqueux del Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha dichiarato nel comunicato stampa: "Stiamo continuando a raccogliere dati sul ghiaccio sepolto su Marte, concentrandoci sui luoghi migliori in cui gli astronauti potranno atterrare".

Inoltre, sono stati effwttuati controlli incrociati con i dati radar che mostrano i depositi di ghiaccio sotterranei e con immagini che lander, rover ed orbiter hanno fornito nel corso degli anni.
Nel 2008, ad esempio, il lander Phoenix catturò immagini del ghiaccio nascosto subito sotto la superficie

Phoenix ghiaccio sotto la superficie di Marte

Crediti: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona/Texas A&M University

Altre conferme della presenza di ghiaccio a profondità ridotte arriva dagli impatti meteorici monitorati dalle sonde in orbita. Ne è un esempio il cratere da impatto largo 6 metri, fotografato da MRO nel 2008 e poi nel 2009, a tre mesi distanza.

MRO cratere da impatto su Marte

Crediti: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona

Questa analisi è solo un passo verso la comprensione del ghiaccio d'acqua sepolto di Marte. Piqueux sta già pianificando uno studio più completo che tenga conto degli andamenti stagionali, perché la sua accessibilità e abbondanza possono variare nel tempo.

Altre informazioni su questo articolo

Read 326 times Ultima modifica Lunedì, 30 Dicembre 2019 07:48
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 4 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (ULTIMO aggiornamento del 4 Giugno)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 2 Giugno [Last update: 06/02/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 4/6/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 3 Giugno [updated on Jun,03]

HOT NEWS