Scritto: Venerdì, 10 Giugno 2022 04:58 Ultima modifica: Venerdì, 10 Giugno 2022 05:50

La NASA studierà gli UFO


La NASA ha annunciato che avvierà uno studio indipendente sui fenomeni aerei non identificati (UAP), cioè le osservazioni di eventi nel cielo che non possono essere spiegate come aerei o fenomeni naturali noti.

Rate this item
(3 votes)
Un frame tratto da un filmato che mostra un oggetto sferico scuro che sorvola l'oceano visto attraverso una telecamera a infrarossi di notte. La sfera sembra muoversi rapidamente attraverso lo schermo prima di fermarsi e scendere lentamente nell'acqua – 18 maggio 2021
Un frame tratto da un filmato che mostra un oggetto sferico scuro che sorvola l'oceano visto attraverso una telecamera a infrarossi di notte. La sfera sembra muoversi rapidamente attraverso lo schermo prima di fermarsi e scendere lentamente nell'acqua – 18 maggio 2021

I lavori inizieranno in autunno, si legge nel comunicato, e lo studio dovrebbe essere completato in nove mesi.
Si concentrerà sull'identificazione dei dati disponibili, sul modo migliore per raccogliere i dati futuri e su come la NASA può utilizzare tali dati per far avanzare la comprensione scientifica degli UAP.

Il team sarà guidato dall'astrofisico David Spergel, presidente della Simons Foundation di New York City e in precedenza presidente del dipartimento di astrofisica alla Princeton University di Princeton, nel New Jersey.
Daniel Evans, l'assistente vice amministratore associato per la ricerca presso il Science Mission Directorate della NASA, fungerà da funzionario della NASA responsabile del coordinamento.

"Data la scarsità di osservazioni, il nostro primo compito è semplicemente raccogliere il set di dati più solido possibile", ha affermato Spergel. "Identificheremo quali dati - da civili, governo, organizzazioni non profit, aziende - esistono, cos'altro dovremmo cercare di raccogliere e come analizzarli al meglio".

"Coerentemente con i principi di apertura, trasparenza e integrità scientifica della NASA, questo rapporto sarà condiviso pubblicamente", ha affermato Evans.


UAP o UFO tornati di moda

Per gli americano, i fenomeni non identificati nell'atmosfera sono di interesse sia per la sicurezza nazionale che per la sicurezza aerea ma Il numero limitato di osservazioni degli UAP attualmente rende difficile trarre conclusioni scientifiche sulla natura di tali eventi.
Non ci sono prove che gli UAP siano di origine extraterrestre, dice la NASA, ma stabilire quali di essi sono naturali fornisce un primo passo fondamentale per identificare o mitigare le segnalazioni, "in linea con uno degli obiettivi dell'Agenzia per garantire la sicurezza degli aeromobili".

"La NASA ritiene che gli strumenti della scoperta scientifica siano potenti e possano essere applicati anche qui", ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la scienza presso il quartier generale della NASA a Washington. “Abbiamo accesso a un'ampia gamma di osservazioni della Terra dallo spazio, e questa è la linfa vitale dell'indagine scientifica. Abbiamo gli strumenti e il team che possono aiutarci a migliorare la nostra comprensione dell'ignoto. Questa è la definizione stessa di cosa sia la scienza. Questo è quello che facciamo”.

Ultimamente il Governo degli Stati Uniti sta manifestando un rinnovato interesse per UAP o UFO, come li si voglia chiamare e, contemporaneamente, un numero sempre maggiore di scienziati sta finalmente rivalutando l'argomento come un qualcosa da studiare, comprendere e non da guardare con disprezzo, aggiungendosi all'indagine.
"L'agenzia non fa parte della Unidentified Aerial Phenomena Task Force del Dipartimento della Difesa o del suo successore, l'Airborne Object Identification and Management Synchronization Group. La NASA, tuttavia, si è ampiamente coordinata in tutto il governo su come applicare gli strumenti della scienza per far luce sulla natura e l'origine di fenomeni aerei non identificati", cita la dichiarazione.

Oltre alle task force governative e alla NASA, lo scorso anno è nato anche il Progetto Galileo, guidato dall'astrofisico di Harvard Avi Loeb , che prevede la creazione di una rete globale di telescopi, fotocamere e computer di medie dimensioni per indagare sugli oggetti volanti non identificati.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 168 volta/e Ultima modifica Venerdì, 10 Giugno 2022 05:50

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:6 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora