Scritto: Lunedì, 11 Ottobre 2021 15:00 Ultima modifica: Lunedì, 11 Ottobre 2021 15:12

Una bomba blu sopra l'Europa


Questa luce blu dall'aspetto esplosivo e minaccioso è stata ripresa in un video girato dall'astronauta francese Thomas Pesquet della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), l'8 ottobre scorso.

Rate this item
(2 votes)
Una bomba blu sopra l'Europa Crediti: ESA/NASA–T. Pesquet

Si tratta di un evento luminoso transitorio, un qualcosa di simile a un fulmine che colpisce l'atmosfera superiore dal basso verso l'alto.
Questo fenomeno fa parte di quelle manifestazioni atmosferiche correlate ai temporali, che si verificano significativamente al sopra dei fulmini.

Tutte hanno nomi davvero curiosi.

Ad esempio, ci sono i getti blu (blue jets) che sono fulmini dalla forma conica, che vengono espulsi dalla cima delle nubi temporalesche verso l'alto. Possono raggiungere i 50 chilometri nella stratosfera e durare meno di un secondo. Il colore è dovuto a una serie di linee di emissione blu e quasi ultraviolette dall'azoto molecolare neutro e ionizzato. Si ritiene che si formino quando si crea una differenza di potenziale elettrico tra la regione superiore di una nuvola caricata positivamente ed uno strato di carica negativa sul confine della nuvola, nell'aria sopra. Furono registrati per la prima volta il 21 ottobre 1989, su un video monocromatico di un temporale all'orizzonte ripreso dallo Space Shuttle mentre passava sopra l'Australia.

Poi ci sono gli elfi (ELVES) che appaiono come un disco appiattito brillante nell'atmosfera superiore della Terra. Anch'essi illuminano il cielo per pochi millisecondi e possono diventare molto grandi (circa 400 chilometri di diametro). Gli ELVES furono registrati per la prima volta su un'altra missione Shuttle, questa volta al largo della Guyana francese il 7 ottobre 1990.

Abbiamo anche i folletti rossi (red sprites), fenomeni che si sviluppano ad una quota di circa 70 chilometri e si estendono sia verso il basso che verso l'alto sopra alle zone temporalesche e sono associati alla ionizzazione dell’aria. Ha durata inferiore ai dieci millesimi di secondo e la colorazione varia dal rosso al blu a seconda della concentrazione di azoto nell'atmosfera, che a sua volta dipende dalla quota.

E non mancano i TROLL (Transient Red Optical Luminous Lineaments), i Pixie, i Ghost e i Gnome...

Pesquet, nel suo tweet, non specifica di quale fenomeno si tratti ma ha sottolineato: "Ciò che è affascinante di questo fulmine è che solo pochi decenni fa erano stati osservati aneddoticamente dai piloti e gli scienziati non erano convinti che esistessero davvero". Adesso, invece, la Stazione Spaziale Internazionale è il posto migliore per osservarli.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 174 volta/e Ultima modifica Lunedì, 11 Ottobre 2021 15:12

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2021. 

StatisticaMENTE

Tiangong 3 orbit

Tiangong 3 orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 ottobre [Last update:&nb...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 ottobre [updated on 10/...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 10/10 - Sol 1015] - Meteo...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista