Mercoledì 15 Agosto 2018
Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Hayabusa 2: approccio a Ryugu

In alto, tre immagini di Ryugu prese a diverse distanze ma con la stessa scala reale (immagini dei giorni 14, 17 e 20 giugno); in basso, due schermate tratte del simulatore ufficiale (a metà e verso la fine della manovra di approccio)
In alto, tre immagini di Ryugu prese a diverse distanze ma con la stessa scala reale (immagini dei giorni 14, 17 e 20 giugno); in basso, due schermate tratte del simulatore ufficiale (a metà e verso la fine della manovra di approccio) Crediti: Jaxa

Andamento della manovra di avvicinamento della sonda giapponese all'asteroide NEO. Ultimo aggiornamento: 27/6/2018 (ore 6).

 Alle 3 ora italiana del 27 giugno Hayabusa ha raggiunto la "home position" a 20 km da Ryugu, fermandosi e concludendo la manovra di approccio (si veda l'articolo relativo). I grafici qui sotto non verranno più aggiornati.

 Approach final

 Nel grafico in alto a sinistra ci sono gli andamenti della distanza e della velocità relativa negli ultimi giorni; a destra la scala e le dimensioni apparenti dell'asteroide nelle immagini ONC-T (la porzione da realizzare ancora è quella con sfondo grigio mentre in verde sono indicate le varie manovre di correzione). Qui di seguito le versioni più ampie e in scala logaritmica (tranne la velocità), relative all'intera fase di approccio; i gradoni orizzontali non sono realistici e sono dovuti a buchi temporali nei tabulati ufficiali di JAXA, presumibilmente dovuti a revisioni sui valori di distanza realmente rilevati, discrepanti rispetto al modello precedente.

log 0627

  Il lettore JumpJack ha realizzato il seguente grafico della distanza tabulata da Jaxa, facendo notare che, probabilmente, i salti temporali sono dovuti a progressive correzioni della distanza e della velocità rispetto a quanto stimato in precedenza (si vedano i commenti in fondo):

image001

Author: JumpJack - Source data: JAXA

 Di seguito, sulla sinistra l'andamento delle coordinate X,Y,Z (quest'ultima è la distanza dall'asteroide misurata lungo la congiungente con la Terra) nel tempo, durante l'intera manovra di approccio; le scale sono in km e quello in basso è un ingrandimento della porzione finale di approccio. Sulla destra, gli andamenti delle sole coordinate X,Y (in pratica, la traiettoria "vista da Ryugu" e proiettata sulla volta celeste) con tre diverse scale di ingrandimento e i colori che indicano tre diverse fasi dell'approccio (in blu quella iniziale fino al 18 giugno, in rosso quella dal 18 al 22 giugno e in verde quella finale):

Approach XYZ trends

 Qui sotto invece la forma della traiettoria di approccio, ovvero l'andamento delle due coordinate trasversali X,Y in funzione della Z, con un ingrandimento relativo all'ultimo tratto; le proporzioni verticali sono naturalmente esagerate.

Approach XYvsZ

 Per quanto riguarda la fase precedente di avvicinamento, ecco gli andamenti di distanza, velocità radiale, angolo di fase e velocità totalein due differenti finestre temporali. I dati sono tratti dal simulatore "real-time" fornito dall'agenzia spaziale giapponese Jaxa. Più sotto, le traiettorie per le stesse finestre temporali.

H2 1805603

Andamenti nella fase finale di spinta con motori a ioni (fase 3) - Credit: Jaxa - Processing: M. Di Lorenzo

H2 1805h

Andamenti dall'inizio della "fase 3" di spinta con motori a ioni - Credit: Jaxa - Processing: M. Di Lorenzo

 Infine, qui sotto, i diagrammi della traiettoria nella "fase 3" di spinta con motori a ioni; a sinistra da gennaio, a destra gli ultimi giorni prima dello spegnimento. Si tenga presente che qui il sistema di riferimento non è inerziale ma solidale con l'asteroide, con l'asse y costantemente puntato verso il Sole (sistema co-rotante).

H2 traj180603c

Traiettoria aggiornata al 4 Giugno, con le divisioni corrispondenti alla mezzanotte (italiana) di ogni giorno. La posizione attuale di Hayabusa è in rosso mentre Ryugu è il pallino fucsia nell'origine; la croce indica la posizione approssimativa del punto in cui Hayabusa-2 spegnerà i motori a ioni e inizierà la fase di approccio vero e proprio. Credit: Jaxa - Processing: M. Di Lorenzo

 Ricordiamo che la sonda, lanciata nel dicembre 2014, ha da poco raggiunto 162173 Ryugu (precedentemente noto come 1999 JU3); si tratta di un asteroide NEO di tipo Apollo di circa 900m di diametro, con periodo di rotazione di 7,6 ore e classificazione tassonomica Cg. Tra la fine di quest'anno e l'inizio del prossimo preleverà anche dei campioni che verranno recapitati a Terra nel 2020, come spiegato nel sito della missione.

 

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Altro in questa categoria: « IRNSS-1H orbit

22 commenti

  • Link al commento Marco Di Lorenzo (DILO) Martedì, 26 Giugno 2018 10:17 inviato da Marco Di Lorenzo (DILO)

    Spiegazione interessante e probabilmente giusta, bravo! Se vuoi fare ulteriori verifiche, ho conservato i dati degli ultimi tabulati (in particolare quello del 24)...

  • Link al commento jumpjack Martedì, 26 Giugno 2018 09:34 inviato da jumpjack

    Mi sa che ho capito cosa è successo: alla TCM07 hanno acceso il LIDAR,la precisione del posizionamento è aumentata, e si sono accorti di non essere ancora arrivati a quota 45 km: invece del 22/6 ci sono arrivati il 24/6; quindi hanno aggiornato i tabulati, ma ovviamente non in modo pregresso (non potendo sapere dove si trovavano prima), ma solo dal 24 in poi; quindi non aggiungeranno mai i "dati mancanti" al tabulato: in realtà non si tratta di "dati mancanti", ma di traslazione a destra (cioè in avanti nel tempo) della traiettoria, a partire dal 24/6.
    In realtà il radar inizierebbe a diventare affidabile sotto i 25 km, non 40, quindi ecco che 2 giorni dopo, il 26/6, a 25 km, abbiamo un nuovo raffinamento della traiettoria, shiftata di nuovo verso destra di qualche ora.

    Se sovrapponi i grafici fatti con dati di giorni diversi si vede.
    io purtroppo ho dimenticato di salvare il tabulato del 24/6, ma anche coi tabulati dei giorni precedenti si vede chiaramente la differenza tra previsione e realtà.

  • Link al commento jumpjack Lunedì, 25 Giugno 2018 09:37 inviato da jumpjack

    Sito interessante, con foto dei monitor del centro di controllo, e un'immagine inedita presa da 35 km, durante la TCM08:
    https://news.mynavi.jp/article/20180625-654374/

  • Link al commento Marco Di Lorenzo (DILO) Domenica, 24 Giugno 2018 17:37 inviato da Marco Di Lorenzo (DILO)

    Ho visto, hanno anche cambiato la traiettoria che, come si vede nel simulatore, invece di puntare dritto verso Ryugu si muoverà parallela alla congiungente con la Terra per poi fare un piccolo scostamento finale e raggiungere l'home point. Purtroppo però c'è la grave incongruenza nei dati tabulati di cui parlo all'inizio dell'articolo per cui non ho comunque aggiornato i grafici a lungo termine dell'intera manovra e aspetto che sistemino le cose...

  • Link al commento jumpjack Domenica, 24 Giugno 2018 11:26 inviato da jumpjack

    Hanno aggiunto una nuova TCM il 26/6:

    58295.045833 2018/06/26T01:06:00.0 -0.1652 0.0514 21.0219 0.000191 -0.001503 -0.114487
    58295.052777 2018/06/26T01:16:00.0 -0.1638 0.0508 20.9933 0.003624 -0.000580 -0.003281

    [b]26/6 - 01:06-01:16, da 11.4 a 0.3 cm/s (3 mm/s, praticamente ferma) a quota 21 km[/b]

  • Link al commento Marco Di Lorenzo (DILO) Venerdì, 22 Giugno 2018 22:14 inviato da Marco Di Lorenzo (DILO)

    Assolutamente si. Infatti, se leggi all'inizio dell'articolo, adesso i grafici sono basati su questi nuovi dati (non molto diversi dalla release precedente).

  • Link al commento jumpjack Venerdì, 22 Giugno 2018 12:20 inviato da jumpjack

    Credo che abbiamo la conferma che i dati simulati siano via via sostituiti con quelli registrati: oggi, 22 giugno, poche ore dopo la TCM07, hanno aggiornato il file, modificando tutti i dati successivi al 21 giugno.

  • Link al commento Marco Di Lorenzo (DILO) Mercoledì, 20 Giugno 2018 23:46 inviato da Marco Di Lorenzo (DILO)

    Grazie, avevo già aggiornato il grafico della manovra integrale di approccio (il secondo dall'alto) sulla base dei nuovi dati tabulati su quella pagina!

  • Link al commento jumpjack Mercoledì, 20 Giugno 2018 22:53 inviato da jumpjack

    http://www.hayabusa2.jaxa.jp/hy2sc2/data/hy2_trj.txt

    Pare che venga aggiornato dopo ogni TCM.

  • Link al commento Marco Di Lorenzo (DILO) Mercoledì, 20 Giugno 2018 19:55 inviato da Marco Di Lorenzo (DILO)

    Avevo letto quel resoconto su UMSF ma mi è sembrato alquanto ingenuo, francamente!
    Lo ripeto, il simulatore in quanto tale non può essere così preciso perché non è basato sui dati di telemetria in tempo reale ma piuttosto su un modello pre-calcolato nei giorni precedenti. Invece il report ufficiale sulle operazioni in giapponese, uscito poche ore fa su http://www.hayabusa2.jaxa.jp/topics/operation/
    dice chiaramente che la manovra TCM6 è durata più di un'ora, tra le 12:40 e le 13:50 (ora giapponese); credo sia una fonte sicuramente più attendibile!
    Detto questo, è evidente che anche il simulatore viene periodicamente aggiornato sulla base delle decisioni prese dal team di navigazione, oltre che in base agli ultimi dati di navigazione reali, e questo deve essere successo anche oggi pomeriggio, come ho evidenziato all'inizio di questo log.
    Un'ultima osservazione: sul simulatore non è riportata l'ora ma solo l'"elapsed time" dall'inizio della missione. In ogni caso, usare il GMT non avrebbe senso da parte di un'agenzia non europea, al limite dovrebbero usare UTC come si fa in campo astronomico!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 14 Agosto.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.