Scritto: Mercoledì, 08 Luglio 2020 06:18 Ultima modifica: Mercoledì, 08 Luglio 2020 09:50

L’impatto del Covid-19 visto dallo spazio


Grazie ad una collaborazione internazionale tra Agenzie Spaziali, è nata la Earth Observation Dashboard, una piattaforma interattiva per monitorare l’impatto globale della pandemia.

Rate this item
(0 votes)

 A seguito della consapevolezza della diffusione del coronavirus, le nostre vite sono radicalmente cambiate. Fin dalle prime fasi dell’epidemia, le agenzie spaziali internazionali hanno attivato le proprie risorse satellitari per fornire un quadro completo dei cambiamenti ambientali, economici e sociali in atto. Gli osservatori spaziali, generalmente dedicati allo studio della Terra e del clima, sono stati testimoni degli effetti scaturiti dalle nuove regole di pubblica salute e di contenimento messe in atto dai governi in diversi paesi.

Se da una parte l’essere umano si è trovato a dover fronteggiare un’importante emergenza sanitaria, nonché considerevoli ripercussioni economiche, sociali e culturali, dall'altra la natura ha inevitabilmente approfittato del momento di debolezza della nostra specie per riappropriarsi dei propri spazi e respirare. Nei primi mesi del 2020, non solo è migliorata la qualità dell’aria ma le immagini, satellitari e non, hanno mostrato il verde espandersi tra il cemento delle città, cieli tersi e animali selvatici girare indisturbati per le strade deserte.

Durante i momenti pandemici più acuti, è stata addirittura registrata una riduzione del rumore sismico, ossia quel ronzio legato alle vibrazioni generate nella crosta terrestre dalle reti di trasporto e dall'attività umana. Tuttavia, è dallo spazio che i cambiamenti in atto sono risultati più evidenti.

Continua a leggere su #OggiScienza....

«I team scientifici tri-agenzia (ESA, NASA, JAXA) hanno analizzato una vasta gamma di dati EO [Earth Observation] multi-sensore e utilizzato metodi scientifici consolidati, nonché nuovi strumenti di intelligenza artificiale per generare prodotti ricchi di informazioni», ci ha spiegato l’ESA. «Il cloud computing e i datacube sono tecnologie abilitanti fondamentali. Le informazioni vengono scambiate attraverso protocolli stabiliti e tramite API condivise».

EO process

La progettazione e lo sviluppo del cruscotto si sono evoluti grazie alla collaborazione tra i team di ingegneria e scienza delle tre Agenzie. Una vasta gamma di dati satellitari EO è stata elaborata utilizzando protocolli scientifici consolidati e metodi innovativi di intelligenza artificiale per generare le informazioni visualizzate nel cruscotto. Il cloud computing, i datacub e le API condivise erano tecnologie abilitanti fondamentali. Crediti: NASA / ESA / JAXA

«Tutti i dati Sentinel vengono utilizzati nella dashbord», ha specificato il team via mail. «Le immagini radar di Sentinel-1 A/B, Sentinel 2 A/B per l’agricoltura e tutta la gamma di indicatori economici, Sentinel 3 A/B, in particolare, per la qualità dell’acqua. Sentinel 5 P per la qualità dell’aria. Questa è in realtà la principale fonte di dati europea per la dashboard Earth Observation»-ù.

Altre informazioni su questo articolo

Read 172 times Ultima modifica Mercoledì, 08 Luglio 2020 09:50
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/8/20 - Sol 607] - Mete...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 11 Agosto [updated on Aug,11].&...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/8/20). Le manovre della sonda am...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 agosto [Last update:...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 agosto [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista