Scritto: Venerdì, 09 Novembre 2012 05:35 Ultima modifica: Sabato, 29 Agosto 2015 07:48

Spirit, Opportunity, Curiosity: tracce a confronto sul suolo marziano


Ieri sera, quasi per gioco, abbiamo deciso di accostare in un'unica immagine le diverse tracce lasciate dai rover su Marte, semplicemente scegliendo alcune delle foto disponibili sul nostro album “2di7 & titanio44”.

A un primo sguardo siamo rimasti stupiti dell'incredibile "somiglianza".

Rate this item
(0 votes)

Rover traks on Mars

Rover traks on Mars
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Ieri sera, quasi per gioco, abbiamo deciso di accostare in un'unica immagine le diverse tracce lasciate dai rover su Marte, semplicemente scegliendo alcune delle foto disponibili sul nostro album “2di7 & titanio44”.
A un primo sguardo siamo rimasti stupiti dell'incredibile "somiglianza".

Naturalmente le ruote di Spirt ed Opportunity hanno lasciato impronte diverse rispetto a quelle di Curiosity: queste ultime, tra l’altro, presentano un caratteristico sistema di foratura che aiuta a mantenere la trazione e al tempo stesso scrive letteralmente nella sabbia di Marte, il percorso del rover con le lettere JPL in codice Morse. Con questo sistema, gli scienziati possono individuare facilmente gli spostamenti di Curiosity anche dalle immagini orbitali.

Le ruote di Spirit e Opportunity sono anche più strette rispetto a quelle di Curiosity perchè i MER stessi sono decisamente più piccoli ma nonostante la notevole differenza dimensionale dei rover, le tracce sono praticamente identiche.

Mars Pathfinder Spirit / Opportunity Curiosity

Image Credit: NASA/JPL-Caltech

I MER Spirit e Opportunity sono all’incirca 2,3 metri di lunghezza,1,6 metri per di larghezza, 1,5 metri di altezza, con un peso di 180 chilogrammi distribuito su sei ruote (circa 30 chilogrammi per ruota).
Curiosity invece, è decisamente più grande e pesante: lungo 2,9 metri, largo 2,7 metri e alto 2,2 metri, per un peso complessivo pari a 899 chilogrammi (circa 150 chilogrammi per ruota).

Le ruote dei rover Spirit ed Opportunity sono di soli 25 centimetri, contro i 50 centimetri di diametro delle ruote di alluminio di Curiosity.

La gravità su Marte è meno della metà rispetto a quella terrestre, 0,38 per l'esattezza, quindi ovviamente anche i rover pesano meno: Spirit e Opportunity su Marte pesano appena 68 chilogrammi circa mentre Curiosity arriva comunque a 339 chilogrammi circa, che ripartito sulle sei ruote è ugualmente un peso importante.

Fatta eccezione per alcuni luoghi, tipo la zona chiamata Troy dove è rimasto insabbiato Spirit, il suolo marziano deve essere alquanto duro, tanto che pressioni effettuate da pesi molto diversi generano comunque orme profonde pressoché simili.

Questo fatto potrebbe essere la causa delle tante piccole ammaccature visibili oggi sulle ruote di Curiosity dopo appena 90 sol di soggiorno sul Pianeta Rosso: già dal sol 60, nella foto – mosaico scattata dal MAHLI, si notano tanti piccoli colpi non presenti nelle immagini dei primi sol (basta verificare le foto della Navigation Camera o quelle dalla Mast Camera dei sol 2 o 3 disponibili sul sito ufficiale http://mars.jpl.nasa.gov/msl/multimedia/raw/).

CURIOSITY sol 60 MAHLI wheel detail

CURIOSITY sol 60 MAHLI dent on wheel
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Il dettaglio che segue, è invece estratto dall'autoritratto scattato sempre con il MAHLI da Curiosity durante il sol 84:

CURIOSITY sol 84 MAHLI self-portrait wheel detail

CURIOSITY sol 84 MAHLI self-portrait wheel detail
"Courtesy NASA/JPL -Caltech" processing 2di7 & titanio44

Probabilmente, sotto un primo sottile strato di polvere e sabbia c’è un suolo compatto (roccia, ghiaccio...) e, percorrendo un terreno molto duro, anche piccoli sassi, tenendo conto del considerevole peso del rover, segnano la superficie delle ruote.

Altre informazioni su questo articolo

Read 9380 times Ultima modifica Sabato, 29 Agosto 2015 07:48
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 29 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 29 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 27 Maggio [Last update: 05/27/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS