Scritto: Giovedì, 03 Settembre 2015 13:31 Ultima modifica: Sabato, 05 Settembre 2015 21:29

Marte: qualche chiarimento sullo "sfumino della NASA"


Generalmente leggo con distrazione i titoloni che denunciano la presenza di lucertole, topi o addirittura femori su Marte riconosciuti tra le rocce fotografate dai rover. Convengo che alcune pietre hanno sembianze intriganti ma anche sulla Terra, se guardassimo attentamente, potremmo scoprire un bel repertorio di forme strane. Tuttavia, in questo caso, ad incuriosirmi è stata la connotazione apparentemente tecnica dell'argomento.

Rate this item
(0 votes)
Missoula - Marias Pass Missoula - Marias Pass Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS/MisterobUFO

Il "sasso" (per restare in tema!) è stato lanciato dal blog Mistero bUFO di Flavio Vanetti, ospitato dal Corriere della Sera (di cui, perdonatemi, eviterò di linkare l'articolo).
Il titolo cita: "Marte, il copia-incolla della Nasa (con “sfumino”)".
Il breve post, con riferimento all'immagine PIA19829 pubblicata nel PhotoJournal della NASA, un mosaico dell'affioramento "Missoula" incontrato da Curiosity vicino a Marias Pass, afferma che la foto contiene evidenti "copia e incolla" utilizzati per divulgare "informazioni ingannevoli". Oltre a chiedersi "cosa si affannano a nasconderci i signori della Nasa", si ironizza sul presunto uso dello "sfumino", noto strumento di fotoritocco!
In apertura, l'immagine PIA19829, pubblicata sul blog, con le aree incriminate evidenziate.

In rete, sono prontamente apparse diverse repliche con i chiarimenti del caso, alcune, però, solo parzialmente corrette e talvolta incomplete. Di qui, per non dar adito ad ulteriori dubbi, è nata l'idea di un breve approfondimento.

Il primo punto da chiarire, come già è stato fatto altrove, è che l'immagine pubblicata sul sito della NASA è un mosaico, cioè più immagini sono state assemblate e fuse insieme, in questo caso 5, per ottenere un panorama di tutto l'affioramento. Già in questa circostanza il prodotto finale può presentare delle imprecisioni e degli artefatti dovuti appunto al processo di "cucitura". A volte, anche i migliori software, generano diverse tipologie di alterazioni creando il panorama: dalla banale duplicazione di elementi nel punto di sovrapposizione tra due frame, agli effetti "sfumino" laddove non riescono a collegare bene due zone con colori o tonalità molto differenti. Per ottenere i migliori risultati, quindi, il consiglio è quello di intervenire sempre manualmente per correggere quei dettagli che ai software sfuggono.

Tuttavia, questo non risolve il mistero.
Alcuni, infatti, hanno obiettato che, andando a controllare le immagini raw pubblicate nel catalogo ufficiale, i segni dello "sfumino" sono già presenti (un dettaglio qui sotto).

1031MH0004540000400105R00 DXXX det

Queste foto sono state scattate dal MAHLI (Mars Hand Lens Imager), la fotocamera utilizzata per le macro montata sulla torretta all'estremità del braccio robotico del rover, la stessa utilizzata da Curiosity per scattare i famosi selfie (qui trovate un approfondimento sulla fotocamera).

I frame in questioni, cioè quelli utilizzati per comporre il mosaico, sono:
1031MH0004540000400109R00_DXXX
1031MH0004540000400107R00_DXXX
1031MH0004540000400105R00_DXXX
1031MH0004540000400103R00_DXXX
1031MH0004540000400101R00_DXXX

Noterete che sono pubblicati in una sezione che si chiama "FOCUS MERGE Data Product", vorrà pur dire qualcosa? O no?!?!?!

Curiosity sol 1031 screenshot

Basterebbe aprirne una e leggere la didascalia per farsi venire qualche dubbio, ad esempio:

Using an onboard focusing process, the Mars Hand Lens Imager (MAHLI) aboard NASA's Mars rover Curiosity created this product by merging two to eight images previously taken by the MAHLI, located on the turret at the end of the rover's robotic arm.

Ossia: "... il Mars Hand Lens Imager (MAHLI) a bordo del rover della NASA Curiosity ha creato questo prodotto fondendo da due a otto immagini precedentemente scattate dal MAHLI ..."

Quindi, in poche parole queste foto sono già frutto di un'elaborazione. In gergo si chiamano "stack", cioè sono più immagini dello stesso target riprese su piani focali diversi. Questi frame vengono "impilati" per prendere "il meglio" da ognuno. I software eseguono questa scelta in automatico, selezionando le zone a fuoco di ogni immagine e fondendole insieme per ottenere una foto finale dettagliata, con una profondità di campo maggiore rispetto a quella dei singoli scatti.

Anche questa tecnica, se completamente automatizzata, può produrre artefatti, così come avviene per il panorama.

Nel caso specifico, questi prodotti vengono assemblati direttamente a bordo di Curiosity, su Marte.
Il rover, infatti, dispone di quello che viene chiamato "Onboard Focus Stacking", cioè il MAHLI può acquisire una serie di immagini con fino ad un massimo di 8 posizioni di messa a fuoco e fonderle direttamente con il software di bordo, inviando sulla Terra il prodotto finito.

E visto che ci siamo, quelle curiose foto in scala di grigio che affiancano le miniature nel catalogo, sono delle mappe di profondità che, utilizzate insieme ai "FOCUS MERGE Data Product", permettono di generare una vista 3D del target.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 3641 volta/e Ultima modifica Sabato, 05 Settembre 2015 21:29
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista