Scritto: Martedì, 02 Dicembre 2014 05:16 Ultima modifica: Martedì, 06 Gennaio 2015 08:03

Fotografia di Pianeti Extrasolari fai da te!


Siete affascinati dai pianeti extrasolari? Vorreste una vostra personale foto ricordo di un mondo alieno in orbita intorno ad un'altra stella?

Bene, David Schneider, redattore capo presso IEEE Spectrum, ha realizzato la video-guida che fa per voi!

Rate this item
(0 votes)
Fotografia di Pianeti Extrasolari fai da te! Photo: David Schneider

A partire dal 1995, quando fu annunciata la scoperta di un pianeta in orbita intorno alla stella 51 Pegasi, gli esopianeti sono stati e sono tuttora un tema caldo.
Questo tipo di osservazioni sono generalmente sinonimo di attrezzature molto costose e così anche Schneider, pur essendo attratto dalla possibilità di fotografare personalmente pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare, giudicava l'attività troppo dispendiosa.

Un giorno, però, venne a conoscenza del progetto KELT-North della Ohio State University, di Columbus, con cui intraprendenti astronomi avevano trovato un modo per individuare pianeti extrasolari combinando un dispositivo ad accoppiamento di carica (CCD), con un obiettivo Mamiya-Sekor, originariamente progettato per le fotocamere di fascia alta.
In aggiunta, cercando in rete, aveva anche notato un post di un astronomo amatoriale che riferiva di aver rilevato un pianeta extrasolare già noto, con un digital single-lens reflex (DSLR) e teleobiettivo. A quanto pare, questo era bastato per discernere il tuffo di luminosità di una stella nel momento in cui un pianeta orbitante era passato davanti (metodo del transito).

Il pianeta in questione era un gigante gassoso del sistema binario conosciuto come HD 189733, HIP 98505, o V452 Vulpeculae, che si trova a 63 anni luce dalla Terra nella costellazione della Volpetta.
"E' stata la scelta più ovvia", spiega Schneider nel suo articolo, perché la stella madre è relativamente brillante (anche se invisibile ad occhio nudo) e la caduta in luminosità apparente durante un transito del 2,6 per cento, che è un valore alto per questo genere di eventi (gli astronomi, che utilizzano una scala logaritmica per descrivere la luminosità di una stella, indicherebbero questa differenza pari a millimagnitude 28).

Così, Schneider ha iniziato a realizzare il suo progetto mantenendo un basso profilo economico.

E' andato a cercare un teleobiettivo per la sua Canon EOS Rebel XS DSLR, di quelli con la messa a fuoco manuale che ormai non utilizza più nessuno, cavandosela con una spesa di soli 92 dollari (circa 70 euro) per un 300 millimetri, più pochi spiccioli per un adattatore.

Si è arrangiato con un "barn door tracker", un dispositivo utilizzato per annullare il moto della Terra in osservazioni o fotografie astronomiche, al posto di uno star tracker commerciale che avrebbe avuto i suoi costi (è un meccanismo, di facile costruzione; è formato da tre assicelle di legno compensato, di cui una è incernierata e mossa da una vite girevole a mano, la cui rotazione viene controllata con un orologio. L'asse cerniera viene orientato verso la Polare e l'assicella mediana viene mantenuta inclinata di un angolo pari alla latitudine del luogo, grazie ad una guida di scorrimento e sistema di bloccaggio con viti a farfalla).

Per muovere il tracker, ha ricavato gli ingranaggi da una stampante inkjet defunta, ha aggiunto un microprocessore Arduino e pochi altri accorgimenti.

Anche a livello software, senza alcuna pretesa, ha utilizzato quello fornito con la sua fotocamera.

Insomma, sembra piuttosto semplice, no?

Come obiettivo per i test ha scelto la stessa stella HD 189733 Vulpeculae, catturando esposizioni di 50 secondi ogni minuto, con un basso ISO per evitare la saturazione sensore della fotocamera.

La parte più difficile di tutto il progetto è stata l'attesa perché il gigante gassoso HD 189733 b orbita intorno alla stella madre ogni 2,2 giorni. Potrebbe sembrare un evento frequente ma molti transiti, come quelli che si verificano durante il giorno o sono troppo vicino all'orizzonte, vanno scartati. In più, in cielo deve essere completamente sereno.

Dopo settimane di attesa, l'occasione è arrivata a metà ottobre e Schneider ha avuto fortuna con una sequenza di immagini durata quasi 3 ore, per riprendere un transito di 108 minuti.

Naturalmente, non è stato possibile individuare il transito guardando semplicemente le foto: ci sono troppe influenze, quali i cambiamenti nella trasparenza dell'atmosfera, la risposta del sensore che è raramente uniforme ecc. Per compensare, Schneider ha utilizzato un noto software, IRIS, che ha permesso di eseguire le dovute regolazioni e confermare un cambiamento di luminosità molto vicino a millimagnitude 28, come previsto.

HD 189733 b - transito 20 ottobre

Credit: David Schneider

Read 4884 times Ultima modifica Martedì, 06 Gennaio 2015 08:03
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 17 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 14 Febbraio [Last update: 02/14/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 14 Febbraio [Last update: 02/14/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 16/2/20 - Sol 434] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 12/1/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS