La tentazione di scattare qualche foto è stata talmente tanta che ci siamo accontentati di appoggiare la fotocamera che avevamo con noi, una Fujifilm FinePix XP10, all'oculare del telescopio.
Considerata l'impresa, il risultato è stato abbastanza soddisfacente.

Il mosaico in apertura è formato da due frame, portati in scala di grigio per una fusione migliore.
Di seguito una foto a colori e una breve animazione estratta da un video.

Sun on October 25 -  Fujifilm FinePix XP10 placed (manually) on the telescope - Lecco Planetarium

Sun on October 25 -  Fujifilm FinePix XP10 placed (manually) on the telescope - Lecco Planetarium
Credit: 2di7 & titanio44

Sun on October 25 -  Fujifilm FinePix XP10 placed (manually) on the telescope - gif movie - Lecco Planetarium

Sun on October 25 -  Fujifilm FinePix XP10 placed (manually) on the telescope - gif movie - Lecco Planetarium
Credit: 2di7 & titanio44

Tutte le immagini sono state scattate tra le 14:37 e le 14:44.
La vista ottenuta è molto simile all'immagine ripresa, un paio di ore più tardi (15:01 UT), dal Big Bear Solar Observatory (BBSO), vicino alla riva nord del lago Big Bear, sulle montagne di San Bernardino nel sud della California:

Big Bear Sole 25 ottobre

Nelle foto spicca la mostruosa macchia solare AR2192, al centro in basso, e la AR2193, in alto a destra, vicino al bordo. Almeno un paio di filamenti sono ben visibili, di cui uno, quello più importante, si trova sopra il gruppo AR2192 che oggi, per il terzo giorno consecutivo, ha emesso un brillamento di classe X2 alle 10:56 UT (i precedenti sono stati: classe X2 il 22 ottobre alle 10:59 UT; classe X3 il 24 ottobre alle 21:40 UT; classe X1 il 25 ottobre alle 17:09 UT).

Tutti i brillamenti hanno prodotto disturbi sulle comunicazioni radio su vasta scala per circa un'ora ma nessuno, finora, è stato accompagnato da un'importante espulsione di massa coronale (CME).

Nell'articolo di Marco (Di Lorenzo), appena pubblicato, trovate un interessante approfondimento.