Mentre mancano meno di 13 settimane all'apertura della finestra di lancio del rover della NASA Perseverance, gli scienziati sono sempre più convinti che il sito di atterraggio selezionato sia un buon posto per trovare tracce di vita passata su Marte.

Sabato, 25 Aprile 2020 17:15

Trent'anni di Hubble Space Telescope

Era il 25 aprile 1990, quando, dalla stiva della navetta spaziale Discovery, veniva rilasciato il Telescopio Spaziale Hubble. In questi 30 anni la sua saga, iniziata in modo improbabile, ha poi rivoluzionato l'astronomia.

Come preannunciato, oggi la Cina ha rivelato il nome della missione su Marte programmata per quest'anno. Si chiamerà Tianwen-1 ed aprirà l'era dell'esplorazione planetaria.
L'Agenzia Spaziale Cinese CNSA lo ha annunciato nel corso della manifestazione China Space Day 2020, che si è tenuta oggi a porte semi-chiude per contenere una possibile ripresa dell'epidemia di coronavirus.

In accordo con il comunicato odierno e con sina.com.cn, Ge Xiaochun, ingegnere capo della China National Space Administration (CNSA), ha dichiarato che sarà svelato il nome della prima missione cinese su Marte ed il logo durante il China Space Day 2020.

Una nuova era del volo spaziale umano inizierà mentre gli astronauti americani si lanceranno di nuovo su un razzo americano dal suolo americano, verso la Stazione Spaziale Internazionale nell'ambito del NASA Commercial Crew Program.

Così recitano le prime righe della pagina dedicata sul sito dell'Agenzia Spaziale Americana,

Martedì, 21 Aprile 2020 07:49

Fomalhaut b: il pianeta perduto

L'oggetto classificato come Fomalhaut b potrebbe non essere un pianeta extrasolare: fotografato per la prima volta nel 2004, ora sembra essere scomparso.

Come avevano annunciato, gli ingegneri e gli scienziati della missione ESA / JAXA BepiColombo hanno ripreso il gravity assist attorno alla Terra con le 3 telecamere GoPro a bordo della sonda.
Il risultato è un video davvero emozionante.

I tre astronauti di Spedizione 62 della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) sono rientrati regolarmente sulla Terra ed hanno trovato un mondo molto diverso da quello che avevano lasciato appena sei mesi prima.

 

Potete rilassarvi perché non è diretto contro la Terra e tanto meno colpirà Marte ma di certo l'asteroide (52768) 1998 OR2 è una bella roccia spaziale ed il 29 aprile passerà a circa 6 milioni di chilometri dal nostro pianeta, ovvero circa 16 volte la distanza media Terra-Luna.

Tra i dati rilevati e scartati dal telescopio spaziale Kepler, gli scienziati hanno trovato l'esopianeta che tra tutti potrebbe essere più simile alla Terra. Si chiama Kepler-1649c e si trova a 300 anni luce da noi.

L'Agenzia Spaziale Europea ESA, in collaborazione con la società britannica Timelab Technologies, sta utilizzando un potente simulatore per far rivivere la missione Apollo 15, uno dei più ambizioni atterraggi lunari, attraverso una catena montuosa che si innalza più dell'Himalaya.

Da marzo 2017, la Luna è sorvegliata speciale nell'ambito del progetto NELIOTA dell'Agenzia Spaziale Europea ESA che si propone di registrare i "bagliori lunari", ossia i lampi di luce che generati dagli asteroidi che si scontrano energicamente con la superficie lunare.

Martedì, 14 Aprile 2020 08:18

Prove generali per OSIRIS-REx

Oggi la sonda NASA effettuerà una manovra di "Rehearsal", in preparazione della raccolta di campioni dalla superficie di Bennu, prevista per la prossima estate

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista