Venerdì, 24 Agosto 2012 13:34

Intorno a Curiosity: uno sguardo da vicino

Da quando Curiosity è sbarcato su Marte, tra le immagini più ricercate in rete, spiccano sicuramente i numerosi panorami del cratere Gale elaborati dalla NASA e dai numerosi appassionati come noi.

Un suggestivo paesaggio che sembra quasi essere avvolto da una densa atmosfera capace di creare piani prospettici fino all'orizzonte e il monte Sharp, che spicca imponente.

Mentre l'occhio tende a perdersi in lontananza abbiamo pensato di creare un panorama - mosaico dedicato al terreno che circonda il rover.

Giovedì, 23 Agosto 2012 21:26

Scoperte due gemelle della Via Lattea

La nostra galassia è speciale ma non unica: per la prima volta gli astronomi hanno scoperto due galassie lontane che sono perfettamente uguali alla nostra.

Le galassie a spirale sono molto comuni nell'universo ma le due scoperte sembrano praticamente identiche alla Via Lattea, comprese le relativi galassie satellite come le nubi di Magellano.

Giovedì, 23 Agosto 2012 13:45

Le prime Chemcam di Curiosity a colori

Curiosity Cheamcam sol 14Quando lo Sky Crane ha depositato Curiosity sulla superficie di Marte, come abbiamo visto nei giorni scorsi dalle immagini arrivate, ha lasciato evidenti segni segni al suolo: con i getti dei suoi propulsori infatti, ha "spolverato" il primo strato di terreno marziano.

Durante gli ultimi sol, la Chemcam di Curiosity ha dato uno sguardo al terreno portato alla luce, situato a 5 / 6 metri dal rover.

Vi proniamo due elaborazioni a colori, ottenute dai filtri naturali ricavati dagli scatti.

Giovedì, 23 Agosto 2012 06:41

Lo spettro di Coronation

Questo è lo spettro ottenuto dalla Chemcam di Curiosity quando il 19 agosto 2012 ha effettuato il suo primo test sulla piccola roccia N165, detta Coronation.

Il grafico mostra le emissioni per diversi elementi nel punto colpito dal laser.

Giovedì, 23 Agosto 2012 06:23

I primi passi di Curiosity

Come preannunciato, ieri Curiosity ha mosso i primi passi per la prima volta dal giorno in cui ha raggiunto la sua destinazione, il cratere Gale.

Avanti per circa 4,5 metri, rotazione di 120° e indietro di 2,5 metri, questi sono stati i primi comandi eseguiti dal rover, lasciando le sue prime tracce sul suolo marziano.

Si è formato circa 3,6 miliardi di anni fa; l'acqua si è fatta strada creando un sistema fluviale, allagandolo: è il cratere Gale, la nuova casa di Curiosity.

Mercoledì, 22 Agosto 2012 06:07

Curiosity rileva i primi dati

Curiosity ha iniziato a rilevare i primi dati meteo.

La stazione meteorologica fornita dalla Spagna, controlla la temperatura dell'aria e del suolo, la pressione dell'aria, il vento e altri dati ogni ora da quando Curiosity ha raggiunto la sua destinazione nel cratere Gale. Possiamo dire che in una tipica giornata marziana, sulla base delle misurazioni ottenute in queste due settimane, la temperatura dell'aria oscilla tra i -2° e i -75° Celsius mentre la temperatura del terreno subisce una variazione maggiore tra il pomeriggio e le prime ore dell'alba variando dai 3° ai -91° Celsius.

Martedì, 21 Agosto 2012 21:43

Non solo Sundial!

Qualche giorno fa abbiamo parlato della Mastcam di Curiosity e delle immagini rilasciate (Le variazioni cromatiche della Mastcam).

Oggi grazie al sol 13 di Curiosity, vi proponiamo un dettaglio interessante.

Era il 6 agosto quando Curiosity ci ha fatto stare con il fiato sospeso durante la sua discesa verso il Pianeta Rosso.

Il MARDI (Mars Descent Imager), la videocamera fissata sotto lo scudo termico, ha scattato immagini a colori a 1600x1200 pixel ultimi 2 minuti e mezzo dell'atterraggio su Marte, iniziando a circa 3.7 km di altitudine fino a circa 5 metri dal suolo.

Martedì, 21 Agosto 2012 20:52

Curiosity estende il braccio robotico

Curiosity ha esteso oggi per la prima volta dal momento del lancio a novembre 2011, il suo braccio robotico.

Lungo 2,1 metri, verrà utilizzato per manovrare gli strumenti che porta con sé e prelevare campioni di suolo marziano.

La NASA ha selezionato una nuova missione: verrà lanciata nel 2016 e studierà l'evoluzione del Pianeta Rosso per comprendere i processi che lo hanno reso diverso rispetto alla Terra.

La nuova missione, chiamata InSight (Interior Exploration using Sismic Investigations, Geodesy and Heat Transport), è un lander geofisico per indagare la struttura interna di Marte, dal nucleo alla superficie.

Risale a circa 110 milioni di anni fa: è l'impronta di un dinosauro erbivoro del Cretaceo superiore scoperta da Ray Stanford, un cacciatore di dinosauri, al NASA Goddard Space Flight Center Maryland.

Ieri per la prima volta il laser di Curiosity è stato utilizzato su Marte: il target era una piccola roccia chiamata "Coronation" (N165).

La Cheamcam ha colpito “Coronation” con 30 impulsi in 10 secondi: l'energia del laser ha eccitato gli atomi della roccia e la Chemcam ha rilevato la luce emessa analizzandola con tre spettrometri, ottenendo informazioni sulla natura degli elementi.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 22/10 - Sol 676] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista