Era rimasta nascosta per due settimane sul lato solare a noi invisibile ma, già prima di riapparire, si è preannunciata con spettacolari eruzioni sul limbo orientale e con un violento brillamento di classe X2.8, la mattina di lunedì. Adesso finalmente la rivediamo in tutta la sua estensione, grazie a queste immagini appena catturate del satellite SDO della NASA. Quella a sinistra mostra un dettaglio delle macchie in luce visibile e, per confronto, è riportata in scala una immagine recente del nostro pianeta. A destra, invece, una visione globale (alle lunghezze d'onda di 9.4, 19.3 e 33.5 nm in rosso, blu e verde rispettivamente).