L'immagine in apertura è stata ripresa ieri dal satellite SDO nell'estremo ultravioletto (171, 193 e 211 nm di lunghezza d'onda) e la regione attiva è leggermente a destra. L'immagine sottostante, sempre da SDO, è nel visibile e mostra un ingrandimento di come appariva ieri pomeriggio l'enorme aggregato di macchie, lungo circa 200000 km. Ieri sera una eiezione coronale di plasma, causata da questa formazione, ha raggiunto la Terra causando una violenta tempesta geomagnetica di classe G4 e innescando spettacolari aurore in entrambi gli emisferi, qualcosa che non si verificava da quasi 20 anni. Anche il sottoscritto è riuscito a vedere, per la prima volta, lo spettacolo dell'aurora boreale dal centro Italia!

0081 White

Credits: NASA/SDO - Processing: Marco Di Lorenzo