Il convoglio 6-38 (il trentottesimo del sesto "guscio") comprendeva 23 satelliti Starlink v.2 mini e si è trattato del 18° per questo vettore Falcon, poi atterrato con precisione assoluta sulla piattaforma oceanica. Si è trattato dell'atterraggio n.250 per la famiglia Falcon. L'immagine grandangolare a lunga esposizione mostra chiaramente lo spegnimento del primo stadio e il successivo "entry burn" in atmosfera, mentre il secondo stadio procede in alto fino all'immissione in orbita; in basso, da sinistra, i complessi di lancio SLC-39 e SLC-40 (da cui è decollato il Falcon) e il grande edificio VAB all'estrema destra.

 La famiglia Starlink conta ora 5396 satelliti in orbita, di cui 1742 appartenenti alla nuova generazione. Tra essi, 5360 sono funzionanti e 4678 hanno già raggiunto l'orbita operativa (statistiche stilate da J.McDowell). Questo significa che, mediamente, la distanza media tra due satelliti Starlink in orbita è dell'ordine di 300 km in una zona situata a circa 500 km di altezza sulla superficie terrestre.