Scritto: Mercoledì, 02 Febbraio 2022 08:42 Ultima modifica: Mercoledì, 02 Febbraio 2022 11:03

L'affare si ingrossa


 2020 XL5 è il secondo asteroide troiano della Terra, ci segue nell'orbita attorno al Sole insieme a 2010 TK7 e nuove stime sulle sue dimensioni indicano che probabilmente è decisamente il più grande dei due...

Rate this item
(2 votes)
Evoluzione statistica della tipologia di orbita per 2020 XL5, su un intervallo temporale di 29000 anni centrato sulla data odierna; in rosso la condizione attuale di troiano "trailing", in giallo il troiano "leading" e in verde una orbita non lagrangiana
Evoluzione statistica della tipologia di orbita per 2020 XL5, su un intervallo temporale di 29000 anni centrato sulla data odierna; in rosso la condizione attuale di troiano "trailing", in giallo il troiano "leading" e in verde una orbita non lagrangiana
Credits: Santana-Ros et al., "Orbital stability analysis and photometric characterization of the second Earth Trojan asteroid 2020 XL5" - Nature Communications - Processing by Marco Di Lorenzo

 Il grafico, basato su un nuovo articolo appena uscito su Nature Communication, mostra la probabile evoluzione dell'orbita di questo oggetto considerando una popolazione di 800 "cloni" con elementi orbitali compatibili con le ultime misure e simulandone lo sviluppo nel tempo. E' confermato quanto avevamo scritto in un precedente articolo, ovvero che a partire dal 1500 e fino all'anno 6000-7500 l'asteroide continuerà ad oscillare attorno al punto di librazione L4, ovvero con una longitudine solare di 60° rispetto alla Terra; poi le perturbazioni planetarie renderanno l'orbita probabilmente solare, anche se c'è qualche possibilità che possa trasferirsi momentaneamente nell'altro punto lagrangiano davanti alla Terra. La vera novità contenuta nello studio è che, sulla base delle misure di colore, l'asteroide apparterrebbe alla categoria tassonomica C, dunque a bassa albedo (intorno al 6%) e conseguente elevato diametro, ora stimato in 1180±80 metri, 3-4 volte le dimensioni stimate di 2010 TK7.

 Tutto questo rende interessante l'asteroide in vista di una futura esplorazione ravvicinata, in prospettiva addirittura per un possibile sfruttamento minerario, magari con la costruzione di una colonia. Gli autori calcolano che, partendo nelle finestre temporali più favorevoli (che si presentano periodicamente negli ultimi giorni di ogni anno) la necessaria spinta o variazione di velocità Δv ammonterebbe a 3,3 km/s partendo da un'orbita terrestre bassa, in caso di un semplice "fly-by"; essa salirebbe a circa 10,5 km/s per una missione di "rendez-vous", un valore decisamente elevato e dovuto essenzialmente ai valori elevati di eccentricità ed inclinazione orbitale nell'orbita dell'asteroide.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 132 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 02 Febbraio 2022 11:03

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Spettacolo al crepuscolo Accidenti hai forato! »
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:5 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora