Scritto: Mercoledì, 13 Ottobre 2021 04:55 Ultima modifica: Mercoledì, 13 Ottobre 2021 05:05

I più grandi asteroidi del Sistema Solare


Un gruppo di astronomi ha ripreso i 42 asteroidi più grandi del nostro Sistema Solare con VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, l'Osservatorio Europeo Australe in Cile. Mai prima d'ora era stato ripreso in modo così nitido un gruppo così grande di asteroidi.

Rate this item
(2 votes)
42 degli oggetti più grandi che orbitano nella fascia degli asteroidi, situata tra Marte e Giove.La maggior parte di essi è più grande di 100 chilometri: i due asteroidi più grandi, Cerere e Vesta, hanno un diametro di 940 e 520 chilometri circa, mentre i due più piccoli, Urania e Ausonia, di soli 90 chilometri. 42 degli oggetti più grandi che orbitano nella fascia degli asteroidi, situata tra Marte e Giove.La maggior parte di essi è più grande di 100 chilometri: i due asteroidi più grandi, Cerere e Vesta, hanno un diametro di 940 e 520 chilometri circa, mentre i due più piccoli, Urania e Ausonia, di soli 90 chilometri. Crediti: ESO/M. Kornmesser/Vernazza et al./MISTRAL algorithm (ONERA/CNRS)

"Solo tre grandi asteroidi della fascia principale, Cerere, Vesta e Lutetia, sono stati ripresi finora con un alto livello di dettaglio, poiché sono stati visitati dalle missioni spaziali Dawn e Rosetta, rispettivamente della NASA e dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA)", spiega Pierre Vernazza, del Laboratoire d'Astrophysique de Marseille in Francia, che ha guidato lo studio sugli asteroidi pubblicato oggi su Astronomy & Astrophysics. "Le nostre osservazioni dell'ESO hanno fornito immagini nitide per molti altri oggetti, 42 in totale".

Le indagini sono durate due anni dal 2017 al 2019.
La maggior parte dei 42 oggetti nel campione ha dimensioni maggiori di 100 km; in particolare, sono stati ripresi quasi tutti, 20 su 23, gli asteroidi della fascia più grandi di 200 chilometri. I due oggetti più grandi che il gruppo ha sondato sono Cerere e Vesta, che hanno diametri di circa 940 e 520 chilometri, mentre i due asteroidi più piccoli sono Urania e Ausonia, ciascuno di soli circa 90 chilometri.

L'incredibile dettaglio raggiunto ha permesso ai ricercatori di dividere gli asteroidi in due gruppi: quelli sferici, tipo Igea e Cerere e quelli dalla forma allungata, come Cleopatra che ha una curiosa forma ad osso.

Combinando la forma degli asteroidi con le informazioni sulla loro massa, gli astronomi hanno scoperto che la densità cambia significativamente nel campione. I quattro asteroidi meno densi tra quelli studiati, tra cui Lamberta e Sylvia, hanno densità di circa 1,3 grammi per centimetro cubo, simile alla densità del carbone. I più densi, Psyche e Kalliope, hanno densità rispettivamente di 3,9 e 4,4 grammi per centimetro cubo, superiori alla densità del diamante (3,5 grammi per centimetro cubo). Questa grande differenza di densità suggerisce che la composizione degli asteroidi vari in modo significativo.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 88 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 13 Ottobre 2021 05:05

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2021. 

StatisticaMENTE

Tiangong 3 orbit

Tiangong 3 orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 ottobre [Last update:&nb...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 ottobre [updated on 10/...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 10/10 - Sol 1015] - Meteo...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista