Utilizzando l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array, nella gli astronomi hanno rilevato inequivocabilmente per la prima volta la presenza di un disco di polvere intorno a un pianeta in formazione, denominato PDS 70c. Il pianeta è riconoscibile come un nodulo luminoso vicino al bordo interno del disco protoplanetario che circonda la stella (macchia luminosa al centro della prima immagine); la regione interna è stata ripulita proprio dalla formazione dei pianeti. La nube di polvere attorno al pianeta, ingrandita sulla destra, ha un diametro di circa 1 unità astronomica e una massa sufficiente per formare fino a tre satelliti delle dimensioni della Luna. Situato a 400 anni luce da noi, il sistema PDS 70 ospita due pianeti noti, PDS 70b e PDS 70c, entrambi di tipo gioviano e scoperti grazie allo strumento SPHERE sul VLT dell'ESO, nel vicino infrarosso; l'immagine qui mostrata è invece ottenuta nella regione delle micro-onde e mostra l'emissione termica della polvere. Queste osservazioni aiuteranno a comprendere meglio come si formano le lune e i pianeti nei giovani sistemi stellari.