Scritto: Domenica, 21 Febbraio 2021 07:15 Ultima modifica: Domenica, 21 Febbraio 2021 09:18

VeneRadar


Ecco la superficie di Venere, immortalata tramite i due radiotelescopi di Arecibo e Green Bank nove anni fa, utilizzando gli echi radar.

Rate this item
(0 votes)
VeneRadar Credit: B. Campbell, Smithsonian, et al., NRAO/AUI/NSF, Arecibo

 I dati sono relativi a due osservazioni separate sui due emisferi e risalgono al 2012. L'ormai defunto telescopio di Arecibo (Portorico) fungeva da emettitore dei segnali radio, poi ricevuti e analizzati dal radiotelescopio di Green Bank in West Virginia, secondo la tecnica del radar bi-statico. L'analisi dei ritardi temporali e dello spostamento Doppler ha permesso di ricostruire  le caratteristiche della superficie e si è anche tentato di rilevare eventuali variazioni topografiche nell'arco degli anni. Si vedono chiaramente zone montuose, più chiare perché corrugate e quindi in grado di riflettere una maggiore quantità di onde radio in tutte le direzioni, anche indietro verso la sorgente. Si riconoscono fratture e bacini circolari di origine meteorica ma anche, probabilmente, vulcanica; il nord è in alto.

 Mappe radar ravvicinate sono stata ottenute anche da satelliti in orbita attorno a Venere negli anni '80 del secolo scorso, con l'americana Pioneer-Venus e le sovietiche Venera 15/16, e nei primi anni '90 con la Magellano, lanciata tramite lo Shuttle e che ha fornito a tutt'oggi le migliori misure disponibili, con risoluzione di circa 75 metri/pixel sul 98% della superficie, misurando anche l'altimetria e il campo gravitazionale a risoluzione più bassa. Come dicevamo a commento della Immagine del Giorno di ieri, nel frattempo la tecnologia di telerilevamento SAR (radar a sintesi di apertura) ha fatto passi da gigante e oggi dovrebbe essere possibile ottenere facilmente immagini radar con risoluzione migliore di 1 metro inviando un piccolo satellite attorno al pianeta, che poi è quello più vicino e più simile in dimensioni alla Terra e di cui sappiamo ancora troppo poco! La Russia ha effettivamente un progetto del genere, Venera-D, il cui lancio è previsto tra 5 anni.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 143 volta/e Ultima modifica Domenica, 21 Febbraio 2021 09:18

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Radar Eiffel All'ombra di Perseverance »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 Marzo 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 3 Marzo [Last update:&...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 Marzo [updated on March, ...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/2/21 - Sol 802] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 28 febbraio [Last upda...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Hot! (aggiornato il 27/01/21). Le manovre del...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista