Questo almeno è ciò che si deduce dalle immagini della "diretta" dalla sala di controllo (coordinate 43.057 N, 51.916 E). Il lander non ha perso tempo e, un'ora dopo il touchdown, ha iniziato la prima sequenza di perforazione nel suolo lunare; queste operazioni dovranno essere portate a termine entro 48 ore e prevedono la raccolta di 2 kg di campioni sia dalla superficie che fino a 2 metri di profondità. Per altri dettagli, si veda l'articolo di Elisabetta Bonora.