Scritto: Sabato, 11 Luglio 2020 07:45 Ultima modifica: Sabato, 11 Luglio 2020 10:39

Parker fotografa Neowise e incontra Venere


Oggi Parker Solar Probe ha effettuato il suo terzo passaggio ravvicinato con Venere per modificare la sua orbita e intanto ci manda una visione inedita della grande cometa del 2020.

Rate this item
(0 votes)
In alto, immagine non processata a falsi colori, in basso un'altra immagine a campo ristretto, processata per rimuovere il gradiente di luminosità sullo sfondo In alto, immagine non processata a falsi colori, in basso un'altra immagine a campo ristretto, processata per rimuovere il gradiente di luminosità sullo sfondo Credit: NASA/Johns Hopkins APL/Naval Research Lab/Parker Solar Probe/Guillermo Stenborg - Processing: Marco Di Lorenzo

Lo strumento utilizzato è il WISPR, la data il 5 luglio. Ma è soprattutto il punto di vista insolito ciò che rende interessante questa immagine della cometa Neowise, dato che la sonda NASA era più vicina e la osservava con un'angolazione più favorevole per vedere chiaramente le due code della cometa. La versione processata in basso mostra infatti una coda dritta e sottile fatta di gas ionizzato, spinto in direzione opposta al Sole dalla pressione di radiazione, mentre un'altra più ampia e incurvata è un ventaglio fatto di polvere.

Parher 200711

Il grafico qui sopra mostra invece l'orbita della sonda e la sua distanza dal Sole (in verde i tratti già effettuati, in rosso quelli pianificati). Oggi la sonda ha effettuato un nuovo incontro ravvicinato con Venere alle 5:23:40 (ora italiana), passando a 6885 km dal centro del pianeta (833 km dalla superficie) con una velocità relativa di poco superiore a 23 km/s. Per Parker, si tratta del primo "gravity assist" fatto all'esterno dell'orbita di Venere e servirà a rallentarne la velocità eliocentrica, tramite un "effetto fionda" invertito; questo le permetterà passare ancora più vicino al Sole, stabilendo un nuovo record il prossimo 27 Settembre, a 14,160 milioni di km dal centro della stella contro i 19,392 milioni di km dei precedenti due incontri. Ciò significa che, per la prima volta, si scenderà sotto i 20 raggi solari di altezza (precisamente 19,35) se misurati dalla fotosfera.

Riferimenti:

https://www.nasa.gov/feature/goddard/2020/nasa-s-parker-solar-probe-spies-newly-discovered-comet-neowise/

http://parkersolarprobe.jhuapl.edu/News-Center/Show-Article.php?articleID=150

Altre informazioni su questo articolo

Read 138 times Ultima modifica Sabato, 11 Luglio 2020 10:39
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 6 Agosto [updated on Aug,06].&n...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 6/8/20 - Sol 601] - Meteo...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista