Scritto: Sabato, 13 Giugno 2020 07:27 Ultima modifica: Sabato, 13 Giugno 2020 16:20

Quinto perielio per Parker


La Parker Solar Probe è uscita dal silenzio radio dopo avere effettuato il suo quinto incontro ravvicinato con il Sole. Intanto il Solar Orbiter europeo ha attraversato la coda di una cometa...

Rate this item
(1 Vote)
L'orbita e la posizione attuale di Parker L'orbita e la posizione attuale di Parker Credit: NASA/Johns Hopkins APL/Steve Gribben - Processing: Marco Di Lorenzo

 La sonda NASA porta avanti diligentemente il suo programma di esplorazione della stella a noi più vicina e si prepara ad avvicinarsi ulteriormente ed essa in futuro. Il giorno 7 Giugno ha nuovamente toccato la distanza minima di poco inferiore a 18,7 milioni di km dalla fotosfera e una velocità massima di 393000 km/h, valori record già stabiliti durante il precedente perielio del 29 Gennaio. Dopo cinque giorni di black-out nelle comunicazioni, il 9 giugno il controllo di navigazione presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory nel Maryland ha tirato un sospiro di sollievo, ricevendo il segnale continuo dalla sonda, che risultava essere nello “stato A”, ovvero in ottima salute. Il 28 giugno le osservazioni relative a questa fase di perielio si interromperanno dopo essersi protratte per ben 50 giorni (un nuovo record) e i dati raccolti verranno inviati a Terra fino alla metà di Agosto. Nel frattempo, l'11 luglio, la sonda eseguirà anche il terzo gravity assist con Venere, passando a 830 km dalla sua superficie e smaltendo così parte della sua energia. Questo servirà a modificarne l'orbita e passare ancora più vicino al Sole, a partire dal sesto perielio previsto per il 27 Settembre.

 Nella rappresentazione artistica si vede anche l'altra sonda dedicata allo studio del Sole, il Solar Orbiter europeo che è stato lanciato il 10 Febbraio di quest'anno ed è recentemente passato all'interno della coda della cometa Atlas, proprio mentre si stava frammentando. Una impresa simile la fece, casualmente, anche un'altra sonda europea (Ulysses) nel lontano 1996 con la celebre cometa Hyakutake. Anche questa sonda sfrutterà nei prossimi 10 anni gli incontri ravvicinati con Venere per modificare la sua orbita, avvicinando il perielio e, soprattutto, inclinandosi rispetto all'eclittica, in modo da osservare le regioni ad elevata latitudine solare...

 

http://parkersolarprobe.jhuapl.edu/News-Center/Show-Article.php?articleID=147

Altre informazioni su questo articolo

Read 173 times Ultima modifica Sabato, 13 Giugno 2020 16:20
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 6/8/20). Le manovre della sonda ame...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 6 Agosto [updated on Aug,06].&n...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 6/8/20 - Sol 601] - Meteo...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista