Scritto: Domenica, 17 Maggio 2020 08:20 Ultima modifica: Domenica, 17 Maggio 2020 15:47

Il lampo di Eddington


Grazie a Spitzer, osservato il passaggio di un buco nero attraverso il disco di accrescimento di un altro buco nero, entrambi supermassicci...

Rate this item
(0 votes)
Rappresentazione artistica dell'attraversamento del disco di accrescimento (con relativo "lampo di Eddington")da parte del buco nero secondario di OJ287. Rappresentazione artistica dell'attraversamento del disco di accrescimento (con relativo "lampo di Eddington")da parte del buco nero secondario di OJ287. Credits: NASA / JPL-Caltech

 OJ 287 è un quasar/blazar a 3,5 miliardi di anni luce da noi ed ospita un buco nero gigantesco, 18 miliardi di masse solari, quasi 3 volte quello già enorme fotografato da EHT in M87. Intorno ad esso orbita poi un altro buco nero decisamente più piccolo, 150 milioni di soli (comunque 40 volte la massa di SgrA), probabile residuo di una galassia "cannibalizzata" recentemente. Ogni 12 anni, questo secondo buco nero supermassiccio, percorrendo un'orbita ellittica lunga 10 settimane-luce, attraversa il disco di accrescimento del primo ed emette un lampo dovuto alla "radiazione di frenamento" o bremsstrahlung; questo lampo era stato già previsto ed osservato nel 2007; la sua riapparizione, prevista nel 2019, è stata ribattezzata "Eddington flare", per celebrare il centenario della celebre verifica sperimentale, fatta dall'astrofisico inglese, sulla deviazione della luce stellare durante una eclissi di sole, come previsto dalla Relatività Generale.

 Il lampo previsto per il 31/7/2019 non sarebbe stato osservabile da Terra perchè prospetticamente vicino al Sole; grazie al telescopio spaziale Spitzer, in orbita solare a 250 milioni di km da noi, è stato comunque osservato nell'infrarosso, a sole 4 ore dal momento previsto. Questo ha permesso di stimare la rotazione del buco nero principale (risultato piuttosto lento) e di porre limiti alla teoria dei buchi neri "senza capelli".

 

https://skyandtelescope.org/astronomy-news/black-hole-duo-flares-right-on-time/
https://iopscience.iop.org/article/10.3847/2041-8213/ab79a4

Altre informazioni su questo articolo

Read 231 times Ultima modifica Domenica, 17 Maggio 2020 15:47
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Latest from Marco Di Lorenzo (DILO)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista